Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Regina Coeli: cosa ha detto Papa Francesco, discorso integrale

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 13 Apr. 2020 alle 12:11 Aggiornato il 13 Apr. 2020 alle 12:41
1.6k
Immagine di copertina

Regina Coeli oggi 13 aprile: cosa ha detto Papa Francesco, discorso

Oggi, lunedì 13 aprile 2020, alle ore 12 Papa Francesco ha tenuto il primo Regina Coeli dell’anno, impartito una benedizione e pronunciato un discorso (in sostituzione dell’Angelus per tutte le prossime domeniche del tempo dopo Pasqua fino alla Pentecoste) in diretta tv Rai 1 e video streaming sui canali consueti. Ma cosa ha detto Papa Francesco oggi, lunedì dell’Angelo? Di seguito il suo discorso integrale.

Il discorso di Papa Francesco

“Oggi vorrei ricordare con voi quanto fanno molte donne, anche in questo tempo di emergenza sanitaria, per prendersi cura degli altri: donne medico, infermiere, agenti delle forze dell’ordine e delle carceri, impiegate dei negozi di beni di prima necessità…, e tante mamme, sorelle, nonne che si trovano chiuse in casa con tutta la famiglia, con bambini, anziani, disabili”, le parole del Papa nel Lunedì dell’Angelo.

“A volte esse sono a rischio di subire violenza, per una convivenza di cui portano un peso troppo grande”, ha fatto notare Francesco. “Preghiamo per loro, che il Signore doni loro forza e che le nostre comunità possano sostenerle insieme alle loro famiglie. Che il Signore ci dia il coraggio delle donne, di andare sempre avanti”.

“In questa settimana pasquale, vorrei esprimere vicinanza e affetto a tutti i Paesi colpiti  dal coronavirus, alcuni con grandi numeri di contagiati e deceduti: in particolare l’Italia, gli Stati Uniti, la Spagna, la Francia… la lista è lunga. E non dimenticate che il Papa prega per voi. Rinnovo di cuore a tutti l’augurio pasquale. Rimaniamo uniti nella preghiera e nell’impegno di aiutarci gli uni gli altri come fratelli”.

Papa Francesco messa da Santa Marta

“Preghiamo oggi per i governanti, gli scienziati, i politici, che cominciarono a studiare la via d’uscita, il dopo-pandemia, questo dopo che già è incominciata, perché trovino la strada giusta, sempre in favore della gente, sempre in favore dei popoli”. Lo ha detto papa Francesco all’inizio della messa del mattino a Casa Santa Marta.

Nell’omelia, commentando il Vangelo del giorno, il Papa ha spiegato che “anche oggi, davanti alla prossima, speriamo che sia presto,prossima fine di questa pandemia, c’è la stessa opzione: o la nostra scommessa sarà per la vita, per la resurrezione dei popoli, o sarà per il dio denaro, tornare al sepolcro della fame, della schiavitù, delle guerre, delle fabbriche delle armi,dei bambini senza educazione. Lì c’è il sepolcro”.

“Il Signore – ha proseguito il Pontefice -, sia nella nostra vita personale, sia nella nostra vita sociale, sempre ci aiuti a scegliere l’annuncio,annuncio che è orizzonte aperto, sempre, ci porti a scegliere il bene della gente, e mai a scendere nel sepolcro del dio denaro”.

“Come sempre, quando non serviamo Dio, il Signore – ha sottolineato Francesco -, serviamo l’altro dio, il denaro. Ricordiamo quello che Gesù ha detto: sono due signori, il Signore Dio e il signore denaro, non si può servire ambedue”.

“E per uscire da questa evidenza, da questa realtà (della resurrezione di Gesù, ndr) – ha continuato -, i sacerdoti, i dottori della legge, hanno scelto l’altra strada, quella che gli offriva il dio denaro, e hanno pagato: hanno pagato il silenzio,il silenzio dei testimoni”. “Questo, cari fratelli e sorelle – ha osservato -, non è una tangente, questa è corruzione pura, corruzione allo stato puro. Se tu non confessi Gesù Cristo il Signore, pensa perché e dove c’è il sigillo del tuo sepolcro, dove c’è la corruzione”.

“E’ vero che tanta gente non confessa Gesù perché non lo conosce – ha ammesso -, perché noi non l’abbiamo annunciato con coerenza, e questa è colpa nostra. Ma quando davanti alle evidenze si prende questa strada – ha concluso Papa Francesco – è la strada del diavolo, la strada della corruzione. Si paga e stai zitto”.

Regina Coeli oggi 13 aprile 2020 in tv e streaming

Al termine della Settimana Santa, conclusasi ieri, domenica 12 aprile 2020, con l’annuncio della Resurrezione nella Pasqua del Signore, la Chiesa Cattolica celebra il giorno del Lunedì dell’Angelo e attendiamo dunque la recita della preghiera del Regina Coeli da parte di Papa Francesco alle ore 12 dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico, sede ormai tradizionale per i momenti di preghiera del Papa in tempo di Coronavirus.

Tutti i fedeli potranno quindi seguire il discorso e la benedizione del Papa tramite la televisione o internet. Dove vedere Regina Coeli in tv e streaming? Di seguito tutte le informazioni.

La celebrazione sarà visibile in diretta tv su Rai 1 (canale 1 o 501 del digitale terrestre) e su Tv2000 (canale 28). Sarà possibile seguire Regina Coeli di Papa Francesco anche in live streaming tramite il canale Youtube di Vatican News e RaiPlay.it.

1.6k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.