Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ragazzo ucciso a Roma, la testimonianza della fidanzata: “Luca è intervenuto dopo che mi hanno colpita”

Immagine di copertina

Anastasia Kylemnyk, fidanzata 25enne di Luca Sacchi, il giovane freddato fuori da un pub romano in seguito a uno scippo, ha raccontato la sua versione dei fatti agli inquirenti

Ragazzo ucciso a Roma: la testimonianza della fidanzata

“Luca è intervenuto dopo che sono stata colpita”: a parlare è la fidanzata di Luca Sacchi, il ragazzo 24enne ucciso a Roma nella notte tra mercoledì 23 e giovedì 24 ottobre, la quale ha fornito la sua testimonianza al Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Roma, che si sta occupando del caso.

Roma, vuole difendere la fidanzata da uno scippo ma viene colpito da uno sparo alla testa: muore Luca Sacchi

Anastasia Kylemnyk, questo il nome della fidanzata di origine ucraina della vittima, ha ripercorso i terribili momenti che hanno preceduto l’aggressione nei loro confronti.

Chi era Luca Sacchi: il ragazzo ucciso a Roma dopo aver tentato di salvare la fidanzata da un rapinatore

I due, dopo il lavoro, si sono recati presso il pub John Cabot, situato in via Via Franco Bartoloni 75, nel quartiere Appio Latino, a Roma.

Dopo aver bevuto una birra, sono usciti dal locale e sono stati aggrediti: “Eravamo appena usciti dal pub quando mi sono sentita strattonare da dietro” ha affermato Anastasia. “Mi hanno detto ‘dacci la borsa’ poi mi hanno colpita con una mazza da baseball”.

A quel punto il suo fidanzato Luca è intervenuto: “Dopo che mi hanno colpito, Luca ha reagito bloccando il ragazzo che mi aveva colpito. A quel punto, però, secondo quanto racconta la giovane 25enne è intervenuto l’altro aggressore che ha sparato un colpo di pistola alla testa del suo fidanzato, che è deceduto poche ore dopo presso l’ospedale San Giovanni di Roma.

Dopo quella che è stata una vera e propria esecuzione, gli aggressori, che sarebbero due italiani, si sarebbero allontanati su una Smart bianca, anche se altri testimoni li avrebbero visti abbandonare il luogo del delitto a piedi.

Decisive ai fini delle indagini potrebbero essere le telecamere di sorveglianza della zona, al vaglio degli inquirenti in queste ore.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate
Cronaca / Via libera dell'Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate
Cronaca / Via libera dell'Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Cronaca / Covid, oggi 15.085 casi e 103 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Cronaca / Caso Greta Beccaglia, il molestatore si trasferisce in una località segreta: “Ora temo per mia figlia”
Cronaca / “Il regime di Al Sisi è responsabile per la morte di Giulio Regeni”, lo dice la Commissione Parlamentare
Cronaca / Von der Leyen: “È ora di discutere dell’obbligo vaccinale nell’Ue”
Cronaca / Covid, la conversione del leader veneto no vax dopo il ricovero per il virus: “Vaccinatevi tutti”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”