“Mi sono inventata lo stupro per attirare l’attenzione del mio fidanzato”. La confessione della 15enne di Bolzano

Di Maria Elena Gottarelli
Pubblicato il 2 Lug. 2019 alle 14:44
0
Immagine di copertina
Credit: ANSA/ Wallisch Stefan

Inventa lo stupro. “Ho inventato tutto, volevo attirare l’attenzione del mio ragazzo”. Lo ha ammesso nella giornata di martedì 2 giugno la ragazza di 15 anni che lo scorso 7 maggio aveva dichiarato di essere stata violentata mentre tornava a casa da scuola.

L’adolescente aveva detto di essere stata vittima di violenza sessuale da parte di uno sconosciuto mentre percorreva una ciclabile sul fiume Isarco, a Bolzano.

A Bolzano una ragazzina di 15 anni è stata violentata mentre tornava da scuola

15enne inventa lo stupro per attirare l’attenzione del fidanzato

La procura aveva così aperto un’inchiesta che era sfociata nell’arresto di due ragazzi di origine nordafricana, rilasciati poco dopo per mancanza di prove.

Durante gli accertamenti la ragazza ha dichiarato spontaneamente al pm e alla psicologa consulente di essersi inventata tutto per attirare l’attenzione del suo compagno.

La finta vittima ha spiegato di non avere valutato la gravità delle sue parole né la dimensione che tutta la vicenda avrebbe assunto nel corso delle indagini.

Il caso era stato ripreso da diversi media locali e nazionali e aveva avuto una forte eco ben oltre i confini urbani. Nel luogo della presunta violenza si era addirittura svolto un sit-in.

Scomparsa Emanuela Orlandi: tribunale dispone l’apertura di due tombe in territorio Vaticano

Gela, cadavere mutilato trovato in spiaggia dai bagnanti

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.