Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Perso il fascicolo giudiziario a Firenze: processo ai Renzi rischia lo stop

Immagine di copertina

Avrebbe potuto subire un brusco stop il processo di appello per l’emissione di fatture false che vede imputati Tiziano Renzi e Laura Bovoli insieme all’imprenditore Luigi Dagostino. Il procedimento, iniziato questa mattina, poteva essere rinviato perché, come precisato dalla corte, non è stato possibile trovare il fascicolo con gli atti del processo.

“La corte dà atto che il fascicolo del dibattimento non è disponibile, non essendo stato reperito in cancelleria”, ha detto in apertura di corte la presidente di corte, che ha minimizzato l’accaduto: “Non lo definirei un problema tecnico, la definirei una circostanza irrituale. Qualcuno l’avrà spostato”. Si è successivamente deciso di proseguire il processo perchè la corte ha precisato di avere comunque la copia di tutti gli atti processuali.

Non sarebbe inoltre disponibile un tecnico addetto alla fonoregistrazione richiesto dagli avvocati degli imputati, che hanno presentato istanza di una riapertura parziale del dibattimento. Per questi motivi il processo potrebbe essere rinviato ad altra data dopo la discussione dell’istanza di riapertura dell’istruttoria dibattimentale.

In primo grado i coniugi Renzi erano stati condannati dal tribunale fiorentino a un anno e nove mesi di reclusione, due anni la pena per il loro co-imputato, l’imprenditore pugliese Luigi Dagostino, ‘re’ degli outlet, anche lui presente in aula. Il procedimento riguarda il pagamento di fatture emesse da società dei Renzi nel 2015 – una da 20.000 euro dalla società Party, un’altra da 140.000 euro più Iva dalla Eventi 6 – per consulenze ad aziende riferibili a Dagostino.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Teramo, detenuto taglia le sbarre della cella ed evade dal carcere
Cronaca / Pantelleria, morta in ospedale Anna Elisa Fontana: il compagno le aveva dato fuoco
Cronaca / Anzio, li rimprovera perché sfrecciano con l’auto vicino alla fermata del bus: picchiato e investito
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Teramo, detenuto taglia le sbarre della cella ed evade dal carcere
Cronaca / Pantelleria, morta in ospedale Anna Elisa Fontana: il compagno le aveva dato fuoco
Cronaca / Anzio, li rimprovera perché sfrecciano con l’auto vicino alla fermata del bus: picchiato e investito
Cronaca / Morto Matteo Messina Denaro: le cause della morte del superboss mafioso
Cronaca / Morto Matteo Messina Denaro, la malattia del superboss mafioso
Cronaca / È morto Matteo Messina Denaro: l’ultimo boss stragista stroncato dal tumore
Cronaca / Papa Francesco: "Non c’è nessuna invasione di migranti o emergenza"
Cronaca / Farmaci, lavoro, salari, incidenti: la discriminazione contro le donne è sistemica
Cronaca / Violenza di genere, femminicidi, abusi sulle donne. L’appello di DonneXStrada: il tempo è scaduto
Cronaca / Non chiamatela emergenza: i femminicidi sono un fenomeno endemico