Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Pedopornografia, abusavano delle figlie e scambiavano foto in chat: 5 arrestati. “Qui su Telegram non ci scopriranno mai”

Immagine di copertina
Credit: Flickr

Un gruppo di pedofili che si scambiavano su Telegram immagini di abusi commessi sulle proprie figlie è stato scoperto dalla polizia postale, in un’indagine che ha portato all’arresto di cinque persone residenti in diverse città italiane.

Un imprenditore romano, un imprenditore edile bolognese, un dipendente comunale napoletano, un bresciano e un altro napoletano sono stati accusati di essere i cinque membri di una chat che avevano chiamato “Famiglie da abusi”. “Qui su Telegram non ci scopriranno mai”, avevano scritto nella chat, scoperta invece nell’indagine coordinata dal Centro nazionale di contrasto alla pedopornografia on line, partita da una segnalazione di altri organismi investigativi delle forze di polizia estere

Sono stati identificati anche altri due soggetti, uno denunciato a piede libero e un altro arrestato. Entrambi erano in contatto con il primo indagato, un imprenditore che gestiva un rimessaggio di barche sul litorale laziale, arrestato in flagranza di reato dopo essere stato trovato in possesso di quantità “ingenti” di materiale pedopornografico. Secondo La Repubblica la polizia avrebbe rinunciato a contare il numero di file, tutti relativi a foto scattate alle figlie.

Dalla prima perquisizione è emerso per la prima volta il gruppo Telegram, una scoperta che ha portato all’arresto del 45enne imprenditore edile di Bologna, che in un video autoprodotto, aveva coinvolto un minore appartenente al nucleo familiare.

Il terzo componente del gruppo, un dipendente del comune di Napoli, è stato denunciato a piede libero in quanto detentore di materiale pedopornografico mentre il quarto membro, residente nel bresciano, è stato arrestato in flagranza di reato per detenzione di ingente quantitativo di materiale relativo allo sfruttamento sessuale di minori. L’uomo è inoltre indagato per violenza sessuale nei confronti della propria figlia. Anche il quinto membro, un altro residente napoletano di poco più di trenta anni, è stato arrestato dopo che sono stati rinvenuti in suo possesso circa 200 file pedopornografici.

In contatto con il primo indagato, l’imprenditore romano, sono stati anche identificati altre due persone. Il primo un residente della provincia di Roma, denunciato a piede libero poiché deteneva file ricevuti dall’arrestato, che gli aveva anche fornito istruzioni per instaurare un contatto sessuale con un minore. Il secondo un 55enne siciliano, arrestato con l’accusa di aver costretto la figlia a subire rapporti sessuali, registrati e condivisi online. Anche la moglie è indagata per non aver fatto nulla per impedire gli abusi pur essendone a conoscenza. A lei è stato imposto l’allontanamento dall’abitazione e il divieto di avvicinamento alla vittima.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa
Cronaca / Melandri si difende: “Sono un free vax, ognuno deve essere libero di scegliere il proprio destino” | VIDEO
Cronaca / Stupro di Capodanno, le intercettazioni shock: “Ce semo divertiti”, “Colpa della famiglia di lei”
Cronaca / Jacobs divorzia dall’agenzia di Fedez: scarsa promozione dell’immagine
Cronaca / Tenta la fuga dalla casa di riposo: 91enne muore dopo essersi calato con le lenzuola dalla stanza
Cronaca / Cassazione: “Rapina aggravata se con mascherina”. Ma il ladro protesta: “Era obbligatoria”