Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Omicidio Willy, la vita dei fratelli Bianchi in carcere: “Un chiodo nel dentifricio, sputi nel piatto e minacce”

Immagine di copertina

Omicidio Willy, la vita dei fratelli Bianchi in carcere: “Un chiodo nel dentifricio, sputi nel piatto e minacce”

Minacce, sputi e le accuse di essere un “infame”. Marco Bianchi, uno dei due fratelli imputati per la morte di Willy Monteiro Duarte, il 21enne picchiato e ucciso nella notte tra il 5 e il 6 settembre 2020 a Colleferro, sta attraversando un periodo difficile  nel carcere di Rebibbia, secondo quanto emerge dalla perizia delle intercettazioni effettuate dai carabinieri e riportate da La Repubblica.

In un colloquio con l’altro fratello Alessandro, venuto a trovarlo in carcere, Marco Bianchi ha parlato del trattamento particolare che gli è stato riservato nel carcere, dove gli altri detenuti lo evitano, raccontando di aver trovato sputi nella pasta e un “chiodo ficcato dentro il dentifricio”. “Sto da solo, un poco all’aria. Quando esco io rientrano loro”, ha detto nelle intercettazioni. “Ci stanno i bravi e ci stanno quelli non bravi, le merde”.

La situazione ha preoccupato la madre, che in una conversazione con Gabriele Bianchi, a sua volta detenuto per l’omicidio, ha detto di averlo trovato “con la barba lunga, i capelli lunghi, con il topo dentro la stanza” aggiungendo che, se sarà necessario, la famiglia dovrà vendere anche le macchine, tutto, “perché non c’è rimasto più niente”.

Anche Mario Pincarelli, imputato nel processo insieme ai fratelli Bianchi e a Francesco Belleggia, l’unico del gruppo a trovarsi ai domiciliari, ha raccontato di essere particolarmente provato, e di essere arrivato a pensare di togliersi la vita, mentre altri detenuti gli hanno urlato di impiccarsi. In una conversazione intercettata, ha rassicurato il padre. “Prima cosa Gesù Cristo se ti ammazzi da solo non ti perdona, seconda cosa tengo la famiglia mia che sta di fuori, spero che me danno meno possibile, quando ariscio (riesco), se vado alla comunità”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sciopero mezzi Roma oggi, 2 dicembre 2022: orari Atac, Cotral e treni
Cronaca / Sciopero trasporti oggi, 2 dicembre 2022: a rischio metro, bus e treni. Gli orari
Cronaca / Morto dopo aver mangiato sushi in un ristorante all you can eat: indagati il proprietario e il medico
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sciopero mezzi Roma oggi, 2 dicembre 2022: orari Atac, Cotral e treni
Cronaca / Sciopero trasporti oggi, 2 dicembre 2022: a rischio metro, bus e treni. Gli orari
Cronaca / Morto dopo aver mangiato sushi in un ristorante all you can eat: indagati il proprietario e il medico
Cronaca / Calci e schiaffi alle figlie, assolto il padre: il fatto non sussiste
Cronaca / Taranto, ritrovato senza vita Don Giovanni Marraffa: il mistero sulla morte
Cronaca / Ferrara, suv investe due bici e fugge: morto ragazzo di 16 anni
Cronaca / Roma, 16enne abusata nell’ascensore della metro: arrestato 22enne
Cronaca / Juventus, chiesto il processo per Andrea Agnelli e altri 12 indagati
Cronaca / Ischia, trovati altri due corpi: salgono a 10 le vittime accertate della frana
Cronaca / “Dovevamo ascoltarlo di più. La colpa è anche nostra”: parla la mamma di Riccardo, il ragazzo morto prima della finta laurea