Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Uccide il fratello per intascarsi 300mila euro e poi canta: “Sono Lupin”

Immagine di copertina

“Se scampo anche questa, secondo me o faccio la botta o mi ammazzo solo io, o posso prendere il posto di Lupin”, queste le parole con cui il 36enne Antonio Martello ha commentato tra sé e sé l’omicidio del fratello il 31 marzo scorso. Gli inquirenti hanno intercettato il soliloquio e lo hanno incluso tra le prove contenute nell’ordinanza di convalida di arresto, emessa dal tribunale di Torre Annunziata e firmata dal gip Valeria Campanile. Il 36enne cantava e rideva da solo nella Panda del fratello dopo aver abbandonato il suo corpo esanime nella campagna in provincia di Napoli, in una zona di collina dei Monti Lattari. Ma le immagini della telecamera di videosorveglianza lo hanno incastrato: ora è accusato di avere architettato l’omicidio solo per intascare i soldi della polizza della vita del fratello, con cui voleva rifarsi una vita all’estero insieme alla fidanzata di origini filippine.

Operaio stagionale in un’azienda conserviera, Domenico Martello condivideva tutto con il fratello maggiore, da cui era dipendente. Era stato Antonio a consigliargli di stipulare una polizza sulla vita di 300mila euro, di cui sarebbe stato proprio lui l’unico beneficiario. Un messaggio ricevuto il 30 marzo da una persona che diceva di essere una donna di origine polacca e prometteva un incontro insieme a un’amica destinata al fratello, aveva spinto Domenico ad accettare l’appuntamento e a presentarsi a casa di Antonio per andarci. Ma ad inviare l’sms era stato Antonio, che dopo averlo accolto nel casolare di famiglia, lo brucia. Le immagini della telecamera mostrano il 36enne prendere la tanica con il liquido infiammabile dall’auto di Domenico, la Fiat Panda che poi avrebbe guidato mentre si sbarazzava del cadavere, sicuro di aver fatto “un colpo” e credendo di essere Lupin.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”
Cronaca / Covid, 26.561 casi e 89 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'11,4%
Cronaca / La mamma del bimbo morto nell’incidente all’asilo: “Un dolore sovrumano, chiediamo silenzio”
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Cronaca / Ossigenoterapia, desametasone, plasma: cosa funziona e cosa no per il Covid
Cronaca / La vera storia di Feltrinelli