Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Morti bianche: sei vittime in un giorno. Landini: “Stop alle aziende che non tutelano la sicurezza”

Immagine di copertina

La cronaca restituisce ancora una volta numeri tragici: solo ieri altre sei persone sono morte sul lavoro in Italia. Due nel Milanese, una nell’hinterland di Torino, una a Capaci, in provincia di Palermo, e un’altra nel Padovano e nel Pisano. L’ultimo episodio è avvenuto a a Pontasserchio, nella provincia di Pisa dove un imprenditore agricolo di 54 anni è morto in serata dopo essere stato praticamente decapitato dalle lame di una macchina agricola.

Per il leader della Cgil Maurizio Landini “serve una norma che fermi le aziende sino a quando non sono ripristinate le norme di sicurezza”. Secondo Landini sul dossier sicurezza si stanno facendo “progressi veri. La serie degli incidenti dimostra l’urgenza di agire. Qualità del lavoro, salute e sicurezza devono diventare una priorità nazionale”.

“Vanno aumentati i poteri ispettivi e le sanzioni – sostiene – Con Draghi abbiamo condiviso la necessità che nelle imprese che non rispettano norme, o che sono soggette a incidenti, le attività possano essere sospese sino a che non si ripristinino le condizioni di sicurezza – continua – Questo vuol anche dire, da subito, effettuare migliaia di nuove assunzioni negli ispettorati del lavoro, nelle Asl e servizi territoriali. Inoltre, è necessario rafforzare il vincolo della formazione per i datori di lavoro. L’incidente di Pieve Emanuele avviene nell’ambito di un appalto e, troppo spesso, le vittime sono lavoratori precari o neoassunti. Non si può restare a guardare”.

La patente a punti della sicurezza aziendale “è la nostra richiesta – dice Landini – Il governo si è reso disponibile a lavorarci a partire dal coordinamento delle banche dati. Abbiamo condiviso più ampi poteri ispettivi e sanzioni per chi non rispetta le regole. Nessuna azienda deve rimanere senza rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza. Il nodo è prevenzione e formazione. La sicurezza deve essere considerata un investimento, non un costo”. Lo stop delle aziende fuori norma? “Sì. Senza sicurezza non si può lavorare”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Macerata: uccide la madre a colpi di forbici, poi tenta di darle fuoco
Cronaca / Novellara, recuperato il corpo di Saman Abbas. I resti esumati saranno analizzati a Milano
Cronaca / Frana Ischia, trovato il corpo dell’ottava vittima: ancora 4 i dispersi. Aperta un’inchiesta
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Macerata: uccide la madre a colpi di forbici, poi tenta di darle fuoco
Cronaca / Novellara, recuperato il corpo di Saman Abbas. I resti esumati saranno analizzati a Milano
Cronaca / Frana Ischia, trovato il corpo dell’ottava vittima: ancora 4 i dispersi. Aperta un’inchiesta
Cronaca / Rieti, il messaggio della moglie del sindaco su Facebook diventa virale: “Quando hai finito di fare serata, io sto sola con un bimbo”
Cronaca / Il Black Friday di Giorgia: la premier fa shopping in una boutique del centro e si ferma a fare i selfie
Cronaca / Incontro Renzi-Mancini, Ranucci: “Report trasparente, lo dicono fonti Procura”
Cronaca / Roma, 14enne denuncia i genitori: la costringevano a mendicare e l’avevano promessa in sposa a uno sconosciuto
Cronaca / Ischia, chi era Eleonora Sirabella: la 31enne morta sotto la frana di Casamicciola
Cronaca / Ischia, sette le vittime della frana di Casamicciola: tra loro anche un neonato e due bambini
Cronaca / È morto lo stilista Renato Balestra, aveva 98 anni