Filma la moglie che sta morendo per otto minuti: “Non ha chiamato i soccorsi”. Spunta l’ipotesi avvelenamento

Sara Aiello, 36 anni, è morta in seguito a un malore nel 2015

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 10 Ott. 2019 alle 17:27
73
Immagine di copertina
Sara Aiello. Credit: Chi l'ha Visto?

Fa un video alla moglie che muore invece di chiamare i soccorsi

La storia di Sara è stata raccontata a Chi l’ha visto?, dove i suoi parenti hanno chiesto di scoprire la verità sulla sua morte, dopo il ritrovamento di un video lungo otto minuti fatto dal marito mentre la moglie muore.

I fatti risalgono al giugno del 2015, quando la 36enne di Pimonte, in provincia di Napoli, madre di due bambine, venne trovata morta nel suo letto di casa.

Il marito della donna non avrebbe chiamato i soccorsi e avrebbe piuttosto impiegato otto lunghissimi minuti per farle un video. I fratelli di Sara hanno interpellato la trasmissione di Rai tre affinché si faccia chiarezza su quanto accaduto quella notte.

Federica Sciarelli, presentatrice della trasmissione, ha mandato in onda solo un frammento di quel video, ritenendo inopportuno mandare tutte le immagini. In quei pochi secondi si vede Sara, che fa molta fatica ha respirare. Nella parte finale del filmato si vede il marito di Sara prendere la pressione alla donna e constatarne la morte.

Nel video si vede chiaramente la donna che rantola e tenta di chiedere aiuto senza riuscirci. Sara viene di fatto filmata dal marito nei suoi ultimi istanti di vita. Quel video è finito nelle mani degli inquirenti, che ora stanno cercando di capire la responsabilità dell’uomo nella morte della moglie.

I fratelli di Sara hanno detto ai microfoni di Chi l’ha visto? che vogliono che si scopra cosa c’è dietro la morte della sorella.

Secondo quanto si sa dalla trasmissione di Federica Sciarelli, Sara nell’ultimo periodo non sarebbe stata bene. Soffriva di strani svenimenti e, soprattutto, aveva diversi litigi con il marito. I fratelli sono convinti che dietro la morte di Sara ci sia proprio lui.

Il video in questione è spuntato solo dopo alcune settimane dalla morte di Sara. “Lui si è giustificato dicendo che era stato il medico a dirgli di filmare la crisi per poter fare una diagnosi certa”, hanno detto i fratelli della donna scomparsa ai microfoni di Chi l’ha visto?. Qualche mese prima, infatti, la donna aveva avuto un malore, per cui era stato necessario l’intervento del 118 e il suo medico aveva chiesto al marito di filmare l’episodio qualora fosse ricapitato.

Intanto i consulenti di parte hanno avanzato un’ipotesi ancora più inquietante: secondo gli esperti la morte di Sara sarebbe imputabile a un avvelenamento da cianuro di potassio. Per questo la famiglia della donna chiede alla Procura di riesumare il corpo e di capire cosa è successo.

Due ragazzini scomparsi 27 anni fa: la svolta potrebbe arrivare dalle merendine

73
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.