Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Si butta dal decimo piano col nipote di 5 anni. Lo strazio della madre del bimbo: “Era una pazza, lo sapevo”

Immagine di copertina
Il palazzo di Modena in cui è avvenuta la tragedia. Credit: Ansa

“Era una pazza, sapevo che sarebbe successo prima o poi”. Sono le disperate parole pronunciate dalla madre del bambino di cinque anni morto dopo un volo dal decimo piano di un edificio a Modena.

A gettarsi dal balcone, col bimbo tra le braccia, è stata la zia, anche lei morta sul colpo.

“Lo sapevo che finiva così. Me lo ero immaginata un miliardo di volte”, ha urlato la madre (cognata della zia 47enne) straziata, una volta giunta sul luogo della tragedia. Parole che sembrano confermare quella che da subito era stata la tesi della procura: un omicidio-suicidio.

Magistrati e inquirenti avevano infatti escluso dal principio la pista dell’incidente. A rafforzare l’ipotesi del gesto volontario c’era anche un particolare: giunti sul posto, gli agenti hanno trovato la stanza da letto chiusa a chiave dall’interno.

A dare l’allarme era stato un vicino di casa, che poco dopo la tragedia aveva visto i due corpi riversi a terra in una pozza di sangue. Secondo quanto si apprende in queste ore, la zia 47enne era una persona descritta dai vicini come “un po’ schiva”, ma “apparentemente non problematica”.

Pare che volesse vendere il suo appartamento e che stesse tentando di riavvicinarsi al fratello, padre del bimbo deceduto.

La donna non era comunque in cura per problemi psichici. In ogni caso, tra i primi ad essere ascoltati dai magistrati ci sarà il medico di famiglia della donna.

Si sta anche cercando di capire perché il bambino fosse a casa della zia. Secondo le prime ricostruzioni, potrebbe essere stato accompagnato dai genitori a casa della nonna paterna.

Qui la zia lo avrebbe prelevato per portarlo nella sua abitazione, con già in mente il tragico piano dell’omicidio-suicidio.

Le indagini sono coordinate dal pm Maria Angela Sighicelli. La polizia scientifica, in queste ore, sta effettuando nuovi rilievi sul luogo della tragedia per tentare di acquisire ulteriori elementi utili all’accertamento dei fatti.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Carminati e Buzzi condannati in via definitiva: la Cassazione rigetta il ricorso
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Carminati e Buzzi condannati in via definitiva: la Cassazione rigetta il ricorso
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino
Cronaca / Roma, professore taglia ciocca capelli a ragazza iraniana: “Non sostieni la protesta?”
Cronaca / Napoli, professore ucciso: fermato un collaboratore scolastico
Cronaca / Morto sul lavoro operaio vicino Teramo, caduto dal tetto per dieci metri
Cronaca / Roma, ballerina travolta dagli insulti per aver messo la sua foto in un annuncio
Cronaca / Duro scontro durante una partita di calcio, 20enne in gravi condizioni: è intubato