Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il tribunale del Riesame ha confermato il divieto di dimora a Riace per Mimmo Lucano

Immagine di copertina
Mimmo Lucano (Credits: Christian Minelli/NurPhoto)

Mimmo Lucano continuerà a essere in esilio da Riace. Il tribunale del Riesame di Reggio Calabria infatti ha ribadito il divieto di dimora per il sindaco sospeso, che nella città aveva realizzato un modello di accoglienza che lo aveva reso famoso in tutto il mondo.

Il Riesame ha confermato quindi il provvedimento che obbliga Lucano a stare lontano da Riace, che come sindaco ha guidato per tre diverse amministrazioni.

Era stata la Corte di Cassazione, lo scorso 11 aprile 2019, a riabilitare Lucano e ordinare ai giudici di Reggio Calabria di pronunciarsi nuovamente sul suo caso. Soprattutto in relazione al provvedimento di divieto di dimora. La valutazione dei giudici, però, evidentemente non è cambiata.

Secondo il Riesame, dunque, nonostante le indagini a carico di Lucano sono state chiuse da tempo, con l’ex sindaco già rinviato a giudizio, non sono cessate le esigenze cautelari collegate all’inchiesta “Xenia”.

L’indagine vede Lucano accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e abuso d’ufficio. Reati contestati in relazione all’appalto di raccolta dei rifiuti gestito dal Comune di Riace all’epoca in cui lo stesso Lucano era sindaco e affidato con una procedura ritenuta dall’accusa non conforme alla legge ad una cooperativa composta da un gruppo di migranti facenti parte del progetto Sprar gestito dal Comune.

Sempre l’11 aprile scorso, il Gup di Locri aveva disposto il rinvio a giudizio per Lucano e per altri 26 indagati, fissando l’inizio del processo per l’11 giugno prossimo.

Il giorno dopo, però, la procura di Locri aveva emesso nei confronti di Lucano un avviso di conclusione delle indagini preliminari in relazione ad un’altra inchiesta, in cui al sindaco sospeso di Riace vengono contestati i reati di truffa e falso ideologico sempre in relazione alla gestione dei migranti.

Un nuovo processo che Lucano sperava di affrontare tornando almeno nella sua città. Ma adesso questo non è più possibile.

“Porterò il modello Riace in Europa”: TPI intervista Lorenzo Tosa (Più Europa in Comune)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mario Cerciello Rega, ergastolo per i due imputati
Cronaca / Covid, 10.585 casi e 267 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / I 150 anni di Dickens all’INPS con la fondazione De Sanctis: Giulio Gambino modera l’incontro con Letta e Tridico
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mario Cerciello Rega, ergastolo per i due imputati
Cronaca / Covid, 10.585 casi e 267 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / I 150 anni di Dickens all’INPS con la fondazione De Sanctis: Giulio Gambino modera l’incontro con Letta e Tridico
Cronaca / Defibrillatori ovunque: la video-petizione di Sammy Basso per approvare il Ddl 1441
Cronaca / Parma, 18enne trovato morto con ferite d'armi da taglio
Cronaca / Nasce Cento Incroci, un centro culturale nei locali dell'ex Pecora Elettrica
Cronaca / Raduno fascista per Ramelli: centinaia di persone fanno il saluto romano | VIDEO
Cronaca / Morgan cade dal monopattino e si frattura due costole: “Colpa di un tombino”
Cronaca / A Busto Arsizio un operaio muore schiacciato da un tornio meccanico
Cronaca / AstraZeneca, 2 milioni di dosi ferme nei frigo delle regioni: al Sud un cittadino su due vuole un altro vaccino