Covid ultime 24h
casi +16.232
deceduti +360
tamponi +364.804
terapie intensive -55

Migranti, affondano 2 barconi al largo della Tunisia: almeno 39 morti, 4 sono bambini

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 10 Mar. 2021 alle 08:23 Aggiornato il 10 Mar. 2021 alle 08:27
2.2k
Immagine di copertina
Immagine di repertorio Credits: Twitter

Sono almeno 39 le persone migranti morte annegate in un naufragio al largo della Tunisia e quattro sono bambini. Altre 165 persone invece sono state tratte in salvo nella notte tra 9 e 10 marzo.

Tragico bilancio

Inizialmente si parlava di 14 cadaveri recuperati, tra loro anche quelli di 4 bambini al largo di Sfax, nell’est della Tunisia dove è avvenuto il naufragio. Ma il bilancio delle vittime non è definitivo. Come riporta Reuters, il ministero della Difesa di Tunisi – dopo le poche e iniziali informazioni che erano state rese note dalla Guardia nazionale tunisina – ha aggiornato il numero dei corpi ritrovati senza vita, 39 in tutto finora.

Alla volta dell’Europa

Salpati nella notte a bordo di due imbarcazioni di fortuna, le persone migranti provenivano per la maggior parte dall’Africa subsahariana per tentare di raggiungere l’Europa, aveva precisato il portavoce della Guardia nazionale tunisina, Houcem Eddine Jebabli, che ha attribuito gli incidenti al cattivo stato delle imbarcazioni e al fatto che fossero sovraccariche.

I dati

Tra il primo gennaio e il 21 febbraio 2021, 3.800 migranti sono arrivati ​​illegalmente in Italia via mare, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), di cui quasi 1.000 attraverso la Tunisia e 2.500 attraverso la vicina Libia.

Leggi anche: 1. Draghi nomina sottosegretario al Viminale l’uomo dei decreti sicurezza: il leghista Nicola Molteni 2. Salvini vuole mettere le mani anche sulla Polizia. E fa innervosire il Colle / 4. Zingaretti si dimette prima del Congresso? “È una scemenza”/ 4. L’impegno di Draghi per i più svantaggiati riguarda donne e giovani. Ma non i migranti

2.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.