Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti, maxi naufragio nel Mediterraneo. Alarm Phone: “Temiamo una strage”

Immagine di copertina
Immagine di un naufragio, repertorio

Il servizio di supporto per il salvataggio di migranti parla di oltre 100 persone a bordo dell'imbarcazione naufragata

Migranti, naufragio nel Mediterraneo. Alarm Phone: “Temiamo una strage”

Ennesimo naufragio nel Mediterraneo, a largo della Libia. A rischio la vita di decine di migranti: a lanciare l’allarme è Alarm Phone.

Naufragio nel Mediterraneo, cosa è successo

“Un maxi naufragio nel Mediterraneo? Un pescatore ci ha riferito di una barca capovolta davanti alle coste della Libia. Ha detto di aver salvato tre persone ed aver visto molti cadaveri. I superstiti hanno detto che a bordo c’erano più di cento persone. In questo momento non siamo in grado di verificare questa informazione, ma temiamo sia avvenuta un’altra tragedia di massa”: lo scrive su Twitter Alarm Phone, il servizio di supporto a coloro che si trovano in difficoltà nel Mediterraneo nel tentativo di arrivare in Europa.

L’associazione di salvataggio Alarm Phone lancia l’allarme per la preoccupante strage di migranti nel Mediterraneo proprio nei giorni in cui le Ong Open Arms e Ocean Viking sono in difficoltà nelle acque territoriali italiane, vicino Lampedusa, con a bordo rispettivamente 107 e 356 migranti.

Il caso Open Arms

In particolare, si tratta del 18esimo giorno in mare per l’Ong spagnola Open Arms, la nave con 107 migranti a bordo che si trova a pochi metri da Lampedusa, in attesa di ricevere l’autorizzazione allo sbarco.

Il comandante dell’imbarcazione della Ong spagnola insiste nel chiedere lo sbarco immediato dei migranti sull’isola siciliana, ma nelle ultime ore si sarebbe affacciata l’ipotesi di condurre i migranti in Spagna con alcune navi messe a disposizioni dalla Guardia costiera italiana. “

È indispensabile che Italia e Spagna si assumano la responsabilità di garantire, mettendo a disposizione tutti i mezzi necessari, che queste persone finalmente sbarchino in un porto sicuro” ha affermato la Open Arms in una nota in merito alla possibilità di portare i migranti in Spagna. Intanto, nella giornata di oggi, lunedì 19 agosto, è attesa la decisione del Consiglio di Stato dopo il ricorso del ministro dell’Interno contro la decisione del Tar, che aveva sospeso il divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane.

> Open Arms, migranti si tuffano in mare per raggiungere a nuoto Lampedusa | VIDEO

***Notizia in aggiornamento

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”
Cronaca / Covid, oggi 17.030 casi e 74 morti: tasso di positività al 2,9%