Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Naufragio migranti, Bartolo: “Abbiamo sulla coscienza altri 150 morti in mare: nessuno può dirsi senza colpa”

Immagine di copertina

Naufragio Mediterraneo, il commento di Pietro Bartolo

“Abbiamo sulla coscienza altri 150 morti in mare. Nessuno potrà dire che non sapeva, nessuno si potrà sentire estraneo, straniero, rispetto a quello che sta accadendo nel Mediterraneo. Perché abbiamo impedito alle Ong di andare là fuori a salvare vite. Ma quel che è peggio, lo abbiamo impedito alle nostre navi, alla nostra Marina Militare, che ha anche questo dovere”.

Pietro Bartolo, il “medico di Lampedusa” eletto al Parlamento europeo tra le fila del Pd, commenta così, con un post su Facebook, la tragica notizia del naufragio nel Mediterraneo in cui più di cento persone hanno perso la vita al largo di Khoms, città sulla costa nordoccidentale della Libia.

Due barconi sono affondati davanti a Khoms, di fronte la costa libica. A bordo c’erano circa 300 persone. Di queste 137 sono state tratte in salvo, e portate in Libia. Per gli altri il destino è stato ancora più amaro: sono morti annegati. Secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), le vittime sono almeno 150.

Se le cifre saranno confermate, sarà la peggiore strage di migranti dal 21 maggio 2017, secondo i dati del Corriere della Sera.

Il naufragio del 25 luglio 2019 è la peggiore strage di migranti del Mediterraneo degli ultimi 2 anni

Stando ai dati diffusi dall’Oim (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni), nei primi cinque mesi del 2019 sono 543 le persone morte nel tentativo di raggiungere l’Europa, di queste 343 solo nel Mediterraneo centrale.

La proporzione di persone morte in mare rispetto a quelle partite dalle coste libiche è passata da 1 persona ogni 29 partite nel 2018 a 1 ogni 6 persone di quest’anno.

Un dato in linea con le tendenze degli ultimi cinque anni: nessuna rotta migratoria del Mediterraneo, via terra o via mare, ha visto morire nel quinquennio 2014-2019 (fonte Unhcr) tanti esseri umani quanti quella dal Nord Africa all’Italia: 14.768 persone inghiottite dal mare, a cui si aggiungono i 1.878 morti in Grecia e i 1.189 della Spagna.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Parma, tempesta di grandine: danni all’agricoltura e incidenti in autostrada
Cronaca / Polemica sul primario di Novara al corteo anti Green Pass. Lui si difende: “Ho fatto solo informazione”
Cronaca / Due infermiere avvertono i No Vax: “Quando verranno in ospedale ci vendicheremo”. L’Asl si dissocia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Parma, tempesta di grandine: danni all’agricoltura e incidenti in autostrada
Cronaca / Polemica sul primario di Novara al corteo anti Green Pass. Lui si difende: “Ho fatto solo informazione”
Cronaca / Due infermiere avvertono i No Vax: “Quando verranno in ospedale ci vendicheremo”. L’Asl si dissocia
Cronaca / Chiede di fare la chierichetta, ma il parroco dice no: "Solo maschi"
Cronaca / 22 morti e 3.117 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività sale al 3,5%
Cronaca / “Ho denunciato il mio ex e rischio di perdere mio figlio”: la distorsione giudiziaria che colpisce le madri
Cronaca / Liliana Segre: "Follia paragonare i vaccini alla Shoah"
Cronaca / Sardegna, il cane pastore rimasto a guardia delle sue pecore in mezzo all'incendio
Cronaca / "Abusi sessuali sugli alunni di scuola media": arrestato bidello di 56 anni a Brescia
Cronaca / Siena, investe e uccide per sbaglio l’amica 16enne: “Distrutta dal dolore, non esce di casa”