Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti, Difesa: “Ingerenza di Salvini senza precedenti”

Immagine di copertina

“Una vera e propria ingerenza senza precedenti nella recente storia della Repubblica”: questo il commento rilasciato da alcune fonti dello Stato maggiore della Difesa citate all’agenzia stampa Adnkronos.

“Quel che è accaduto è gravissimo perché viola ogni principio, ogni protocollo e costituisce una forma di pressione impropria nei confronti del Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli. Non è che un ministro può alzarsi e ordinare qualcosa a un uomo dello Stato. Queste cose accadono nei regimi, non in democrazia. Noi rispondiamo al ministro della Difesa e al Capo dello Stato, che è il capo Supremo delle Forze armate”.

A scatenare la polemica è stata la terza direttiva firmata dal ministro dell’Interno Matteo Salvini per fermare l’immigrazione e che colpisce direttamente le navi delle Ong, oltre a imporre la chiusura dei porti.

La direttiva del Viminale dà ordine ai comandanti delle forze di polizia, della Guardia costiera e della Marina “di vigilare affinché il comandante e la proprietà della Mare Jonio si attengano alle vigenti normative nazionali ed internazionali”.

In sintesi, stabilisce che se una nave italiana dovesse operare un soccorso coordinato dall’autorità Sar competente in acque non italiane non potrà cercare approdo nei porti dell’Italia.

Una decisione che acuisce lo scontro in corso da giorni tra il Viminale e il ministero della Difesa in materia di immigrazione. Mentre il ministro dell’Interno continua a premere per la chiusura dei porti e per alzare il livello di sicurezza nel paese, la ministra Trenta e il vicepremier Di Maio sono invece per l’accoglienza dei rifugiati.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Trasporti pubblici gratis per combattere l’inquinamento: l’esperimento al via a Genova
Cronaca / Giulia Talia, la prima aspirante Miss Italia dichiaratamente lesbica: “Spero di essere d’aiuto ad altri”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Trasporti pubblici gratis per combattere l’inquinamento: l’esperimento al via a Genova
Cronaca / Giulia Talia, la prima aspirante Miss Italia dichiaratamente lesbica: “Spero di essere d’aiuto ad altri”
Cronaca / Il governo usa il Covid come scusa per respingere e rimpatriare i migranti
Cronaca / Giornalista molestata, il conduttore si difende: “Non volevo minimizzare”. Identificato il tifoso
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Cronaca / Cosa sappiamo (e cosa non sappiamo) di Omicron, la variante con 32 mutazioni
Cronaca / Pedopornografia, abusavano delle figlie e scambiavano foto in chat: 5 arrestati
Cronaca / Variante Omicron, riunione emergenza G7. Von der Leyen: “Corsa contro il tempo”
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021