Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Napoli: migrante restituisce i soldi all’uomo che 10 anni prima lo aveva aiutato

A raccontare la commovente storia è stata la nipote dell'uomo su Facebook

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 16 Gen. 2020 alle 18:29
13k
Immagine di copertina

Napoli: migrante restituisce i soldi all’uomo che 10 anni prima lo aveva aiutato

A Napoli, un migrante restituisce i soldi all’uomo che 10 anni prima lo aveva aiutato.

A riferire la commovente storia è Maria Prisco, la nipote dell’uomo, che nel frattempo è deceduto.

Questo il racconto di Maria sul suo profilo Facebook.

“Hanno bussato al mio citofono : ‘C’è don Giovanni? Sono Mustafà”.

“Un nodo alla gola: Nonno non c’è più. Se vuoi però sali, c’è nonna”.

“È salito – si legge nel post – Ha abbracciato nonna come si fa con una madre. Ha pianto e le ha dato questa busta tra le mani”.

“Signora Peppa, qui ci sono i soldi che Don Giovanni mi ha prestato dieci anni fa, per andare a lavorare dove abitava mio padre. Ora guadagno bene, ho studiato, ho due bimbi e sono caporeparto in una fabbrica ed è solo grazie ai lui che si è fidato di me. Mi dispiace che non potrà vedere quanto bene può fare una buona azione.”

“Mustafà é originario del Marocco e la sua vita é stata un alternarsi di tragedie e difficoltà. Oggi, ha dimostrato che le vicissitudini non ti cambiano, non ti incattiviscono, che una buona azione può cambiarti la vita, per sempre. Che aiutarli a casa nostra si può. Non costa nulla, e ci salva l’anima”.

“Il bene e l’umanità che ritornano. Così chiamerei questo paragrafo della vita. Ci sono giorni che ti ricordano di super normali eroi come tuo nonno, e ti fanno capire che esserci, esserci per davvero per qualcuno è la cosa più semplice, e la più difficile del mondo”.

“Ciao nonno, oggi hai vinto tu e anche questa dimenticata umanità” conclude Maria Prisco nel suo post.

napoli migrante restituisce soldi

La storia in breve tempo è divenuta virale ed è stata condivisa e commentata da numerose persone.

Leggi anche:

“Non lo abbiamo scelto”: i migranti immaginano un mondo migliore attraverso l’arte | FOTO

13k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.