Maltempo, un morto a Napoli a causa di un albero caduto. Danni a Roma, vento e mareggiate in tutta Italia

Famiglie evacuate in Campania, forti mareggiate sul litorale romano e fiumi esondati in Toscana: giornata di maltempo in tutta Italia. Allerta arancione in 11 regioni

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 22 Dic. 2019 alle 11:06 Aggiornato il 22 Dic. 2019 alle 11:36
108
Immagine di copertina
Un albero caduto al Vomero, a Napoli (Credits: Twitter / Valentina Bouché)

Maltempo in tutta Italia: un morto a Napoli, danni a Roma, Sieve esondato

Giornata di grande maltempo quella di oggi, domenica 22 dicembre 2019, su tutta Italia: a Napoli, un uomo è morto schiacciato da un albero caduto a causa del forte vento; a Roma, si segnalano alberi caduti in varie zone oltre, parchi e cimiteri chiusi e grosse mareggiate sul litorale, mentre nel Fiorentino è esondato il fiume Seve.

Un bilancio in continuo aggiornamento che si aggiunge a quello che è già successo ieri a Venezia, dove è tornato l’incubo acqua alta a causa delle forti piogge, e in Friuli, dove un uomo è morto dopo essere stato travolto con la sua auto dalla corrente.

Per la giornata di oggi, la Protezione civile ha diramato per oggi l’allerta arancione sulla Campania e su alcuni tratti di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna, litorali toscani, Umbria, settore meridionale laziale, Molise, Basilicata e sulle due Isole Maggiori. Allerta gialla invece sui restanti settori del Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Basilicata e Calabria, su parte del Veneto, della Lombardia, della Liguria, su Marche e Abruzzo, sulla Sardegna sud-occidentale.

Maltempo a Napoli: un morto. Evacuate famiglie in provincia di Avellino

In mattinata a Napoli si è consumata una tragedia che ha coinvolto un uomo di nazionalità marocchina di 62 anni, Mohamed Boulhaziz, morto schiacciato da un grosso albero caduto al suolo a causa del forte vento. L’uomo viveva regolarmente in Italia da diversi anni e viveva a Maddaloni, in provincia di Caserta, dove lavorava come commerciante.

Il fatto è accaduto intorno alle 7 in via Nuova Agnano, alla periferia occidentale della città. Quando sono arrivati i soccorsi, però, i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. In tutta la Campania, il forte vento che si è abbattuto nella notte ha fatto cadere alberi e cartelloni pubblicitari.

Momenti di grande paura anche nel centro storico di San Martino Valle Caudina, in provincia di Avellino. Nelle ultime ore, infatti, sono cadute abbondantissime piogge che hanno allagato la piazza principale e alcune zone della città, al punto che alcune famiglie sono state evacuate dalle loro case. A provocare il dissesto sono state le acque sotterranee di un torrente “tombato” negli anni scorsi, il cui livello è cresciuto a dismisura sollevando il manto stradale. La piazza si è letteralmente sollevata a causa del carico d’acqua: nessun ferito, ma tanta paura per le famiglie.

Evacuate alcune famiglie anche nel Vallo di Lauro. A Moschiano, nella frazione San Michele, è franato un costone collinare, mentre a Forino una frana ha invaso le carreggiate di due strade provinciali.

Maltempo a Roma: tempesta di vento nella notte, mareggiate sul litorale

Nella notte tra sabato 21 e domenica 22 dicembre su Roma si è abbattuta una forte tempesta di vento, che ha provocato danni in diverse zone della Capitale. Sono stati segnalati cartelli stradali divelti e soprattutto alberi caduti, in viale Traiano all’altezza del Ponte 2 Giugno, a Largo Formichi, in via Casale S.Angelo e in via Giulio Aristide Sartorio, nel quartiere Ardeatino, mostrato dalla foto sottostante.

maltempo roma vento
Credits: Salvatore Tropea
maltempo italia
Credits: Salvatore Tropea

Sul litorale romano si è abbattuta nella notte anche una forte mareggiata, che ha colpito in modo più pesante la zona di Fregene Sud. Qui, infatti, l’acqua ha raggiunto e circondato le strutture balneari, mentre il vento – che ha superato anche i 100 chilometri orari – ha fatto cadere alcuni alberi vicino a delle case. Situazione difficile anche a Fiumicino, al Passo della Sentinella, dove la mareggiata ha colpito alcune case: una persona è stata soccorsa e messa in salvo.

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha firmato un’ordinanza per la chiusura di tutti i parchi, cimiteri e ville storiche.

Maltempo in Toscana: esonda il Sieve, fiumi ingrossati e frane

Il fiume Sieve è esondato per un tratto a Ponte a Vico, nel comune di Pontassieve (Firenze). Per questo motivo, è stata chiusa via Colognolese, mentre la Protezione civile è sul posto per monitorare la situazione.

A causa della forte pioggia caduta nella notte (fino a 50 millimetri), c’è stato un generale innalzamento dei livelli dell’acqua dei fiumi in gran parte della Toscana. Oltre a varie frane. In particolare, fa sapere la Protezione civile, il secondo livello di guardia è stato superato a Dicomano da Ombrone Pistoiese e dalla Sieve, mentre è stato sfiorato dal Bisenzio. Nelle prossime ore, però, le piogge dovrebbero attenuarsi.

Già ieri l’Arno aveva superato a Firenze il primo livello di criticità. Segnalate poi frane diffuse, alberi e rami a terra soprattutto nella zona empolese.

Maltempo nel resto d’Italia

Nella notte, a causa delle cattive condizioni meteo-marine, una nave mercantile battente bandiera italiana si è incagliata a Sant’Antioco, nella Sardegna sud occidentale. Messi in salvo i 12 membri dell’equipaggio: nessuno di loro è rimasto ferito. L’imbarcazione, partita da Cagliari, dove aveva sbarcato un carico di caffè, era ripartita alla volta della Spagna.

Un’automobilista è rimasta lievemente ferita in un incidente stradale causato da una frana staccatasi dalla collina e caduta all’alba sulla statale Aurelia, nei pressi della galleria delle Grazie nel comune di Chiavari, in provincia di Genova. L’auto è stata travolta, all’uscita dalla galleria, dai detriti e dal fango. La donna è stata soccorsa dal personale del 118 e trasportata al pronto soccorso di Lavagna in codice giallo.

Leggi anche:

Le previsioni del meteo di oggi, 22 dicembre

108
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.