Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Luca Traini, confermati 12 anni di carcere in appello perla strage razzista di Macerata

Immagine di copertina
Luca Traini Credit: Ansa

Traini condannato per strage aggravata dall’odio razziale, danneggiamento e porto abusivo d’arma

Luca Traini, confermati 12 anni di carcere in appello per il raid di Macerata

Pena confermata in appello per Luca Traini, condannato dalla Corte d’assise d’appello a 12 anni di carcere per il raid contro i migranti a Macerata del 3 febbraio 2018.

Luca Traini, 30enne di Tolentino, ferì sei persone di colore a colpi di pistola per le strade della città marchigiana, giustificandosi con la rivendicazione dell’uccisione della 18enne Pamela Mastropietro.

A Pamela, uccisa e fatta a pezzi nell’appartamento di un pusher nigeriano, Traini ha dedicato un libro. Lo ha detto oggi il legale di Traini, Giancarlo Giulianelli, in Corte d’Appello. Secondo il difensore, sta cercando un editore e intende destinare il ricavato delle vendite del libro a soddisfare le parti civili.

Luca Traini in carcere dopo i fatti di Macerata

L’imputato, già detenuto nel carcere anconetano di Montacuto, nel primo grado del processo che si sta svolgendo con rito abbreviato era stato condannato alla stessa pena.

La Corte d’assise d’appello, presieduta da Giovanni Treré, ha quindi accolto la richiesta del procura generale, guidata da Sergio Sottani, che aveva chiesto la conferma della condanna ritenendo Traini responsabile di strage aggravata dall’odio razziale, danneggiamento e porto abusivo d’arma.

La difesa, oltre alla rinnovazione della perizia psichiatrica, aveva sostenuto per lui la non configurabilità del reato di strage, l’assenza dei motivi razziali e l’applicazione delle attenuanti generiche. Il legale aveva anche sollecitato la concessione per il suo assistito degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

> Un anno dalla strage xenofoba di Macerata, Traini: “Sono pentito, la pelle non conta, in carcere si capiscono molte cose”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Insegna per 20 anni senza laurea, condannata prof: “Deve restituire 314mila euro di stipendi”
Cronaca / La bugia sulla laurea e lo schianto in auto, il dolore del papà di Riccardo: “Non caricate i vostri figli di troppe aspettative”
Cronaca / Lo sfogo della moglie di Soumahoro: "Ora basta, non sono Lady Gucci"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Insegna per 20 anni senza laurea, condannata prof: “Deve restituire 314mila euro di stipendi”
Cronaca / La bugia sulla laurea e lo schianto in auto, il dolore del papà di Riccardo: “Non caricate i vostri figli di troppe aspettative”
Cronaca / Lo sfogo della moglie di Soumahoro: "Ora basta, non sono Lady Gucci"
Cronaca / Un’auto data alle fiamme, poi gli spari: banditi assaltano portavalori nel nord della Sardegna | VIDEO
Cronaca / Muore in un incidente il giorno prima della laurea: è giallo sulla morte di Riccardo
Cronaca / Covid, Galli: “Stop alla quarantena dopo cinque giorni? I non vaccinati restano contagiosi più a lungo”
Cronaca / Puglia, disabile condannata a pagare 9.500 euro per un sit-in in sedia a rotelle
Cronaca / Genova, filonazismo e pedopornografia su Telegram: arrestati tre giovani
Cronaca / Caso Genovese, la vittima: “Corona voleva convincermi a raccontare tutto. Audio dell’incontro finito in tv”
Cronaca / “Mia figlia è stata violentata. State attenti”: la denuncia shock su Facebook