Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

L’ultimo audio Whatsapp di Luana D’Orazio al fidanzato: “Mi hanno lasciata sola con un sacco di lavoro”

Immagine di copertina
Luana D'Orazio

Proseguono le indagini sulla morte di Luana D’Orazio, l’operaia tessile di 22 anni e madre di un bimbo di cinque anni uccisa dall’orditoio di una fabbrica tessile Oste di Montemurlo, in provincia di Prato, il 3 maggio scorso.

Un macchinario “che si ferma e ci mette più di tutti gli altri perché è mezzo tronco” (“mezzo rotto”, ndr), avrebbe detto Luana in un messaggio audio registrato tre giorni prima della tragedia. La ragazza nella nota audio, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, parla anche di una lite “con lui”, si pensa al marito della titolare dell’Orditura, che “se ne lava le mani”, dice ancora Luana D’Orazio nella nota vocale.

In messaggio vocale Whatsapp inviato al fidanzato pubblicato invece da Repubblica, il 30 aprile Luana D’Orazio dice: “Scusa amore, ho finito solo adesso. Anche oggi ho dovuto correre come una dannata. Mi hanno lasciata da sola con un sacco di lavoro…”. Secondo i familiari il messaggio testimonia le difficili condizioni di lavoro cui, la giovane sarebbe stata costretta in quel periodo. Persone a lei vicine, riporta Repubblica, l’avrebbero inoltre descritta travolta da turni e carichi troppo serrati per il suo contratto, che prevedeva peraltro la presenza di un tutor accanto a sé. L’inchiesta della Procura di Prato ha già accertato che il 3 maggio non c’era nessuno con lei, e che, con tutta probabilità, sull’orditoio non erano stati attivati i dispositivi di protezione previsti dalla legge.

Un audio che al momento non è negli atti dell’inchiesta, ma non è detto che nei prossimi giorni i magistrati non vogliano acquisirlo per capire quali fossero le pratiche all’interno dell’Orditura Luana di Montemurlo, guidata da Luana Coppini, l’indagata principale per omicidio colposo. Nel registro degli indagati compare anche il nome l’addetto alla manutenzione del macchinario, Mario Cusimano, con l’accusa di la rimozione o omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro.

L’orditorio senza “cautele antinfortunistiche”

Nel frattempo è stata estratta ed è già al vaglio degli inquirenti la scatola nera dell’orditoio in cui Luana D’Orazio morì. Secondo quanto appreso i periti stanno completando le verifiche avvalendosi della collaborazione di tecnici della casa produttrice tedesca del macchinario. Per la procura andrebbe a confermarsi l’ipotesi della rimozione delle cautele antinfortunistiche dall’orditoio, ma per comprendere in quale fase della lavorazione sia avvenuto l’incidente di Luana è necessario decrittare la scatola nera anche per stimare la velocità a cui stava girando il subbio, cioè il cilindro rotante che avvolge il filo.

Indagini su abiti di Luana, forse favorirono trascinamento

La procura di Prato sta eseguendo anche una serie di accertamenti sull’abbigliamento della giovane madre e operaia indossato il giorno dell’incidente, il 3 maggio. Al di là del funzionamento della macchina tessile a cui era addetta, i magistrati vogliono capire se siano state rispettate le cautele anti-infortunistica il cui rispetto è deputato alla proprietà dell’azienda. In particolare gli investigatori vogliono capire se i vestiti indossati al momento dell’incidente della 22enne abbiano potuto contribuire al suo trascinamento all’interno del macchinario. “Al momento dell’incidente indossava una tuta nera casual, non una divisa da lavoro. Ai piedi aveva delle scarpe antinfortunistica“, chiariscono i consulenti della famiglia di Luana D’Orazio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Vaghezza inaccettabile”: la rabbia dei medici di famiglia dopo l’ok di Aifa sul mix vaccinale
Cronaca / Vaccinopazzia: l’Aifa dà l’ok al mix vaccinale, già in uso in altri Paesi, ma Ema difende AstraZeneca
Cronaca / Ci sono 10 milioni di italiani che non vogliono vaccinarsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Vaghezza inaccettabile”: la rabbia dei medici di famiglia dopo l’ok di Aifa sul mix vaccinale
Cronaca / Vaccinopazzia: l’Aifa dà l’ok al mix vaccinale, già in uso in altri Paesi, ma Ema difende AstraZeneca
Cronaca / Ci sono 10 milioni di italiani che non vogliono vaccinarsi
Cronaca / “‘Frocio’ e ‘gay schifoso’: mio figlio, 12 anni, aggredito per lo smalto e una borsetta arcobaleno”
Cronaca / Assalto a portavalori sull’A1 con spari e esplosioni. Caccia ai rapinatori | VIDEO
Cronaca / Lombardia, preoccupa la variante Delta: “81 casi già registrati”
Cronaca / Pasticcio AstraZeneca: le Regioni stanno decidendo da sole per la seconda dose
Cronaca / Von der Leyen: "Oltre 300 milioni di vaccinazioni in Ue"
Cronaca / In Italia 14,2 milioni di persone hanno ricevuto entrambe le dosi
Cronaca / AstraZeneca, l’Aifa approva il mix di vaccini per chi ha meno di 60 anni