Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Oste di Montemurlo, incidente sul lavoro: 22enne muore risucchiata in un rullo. Luana aveva un figlio piccolo

Immagine di copertina
Luana D’Orazio

Luana D’Orazio, operaia in un'azienda tessile, sarebbe rimasta impigliata nel macchinario che ordina i fili. Il corpo straziato davanti alle colleghe. I sindacati: "Non si può ancora morire così. È inaccettabile"

Luana D’Orazio, 22 anni, è morta ieri, lunedì 3 maggio, poco prima delle 10, inghiottita da una macchina tessile. La giovanissima operaia, mamma di un bambino di 5 anni, stava lavorando a un orditoio, una macchinario che ordina i fili, tesse e cuce nell’azienda Orditura Luana, in provincia di Prato, a Oste di Montemurlo, quando sarebbe rimasta impigliata nel rullo della macchina tessile a cui stava lavorando venendo poi trascinata e risucchiata.

Luana è morta davanti ai colleghi di lavoro, due giorni dopo la Festa dei Lavoratori. I presenti dicono di aver visto la 22enne inghiottita dalla macchina dove era rimasta impigliata. Non hanno avuto il tempo di far niente e quando il macchinario è stato fermato Luana era già stata straziata. Secondo una prima ricostruzione accanto a lei c’era un collega, girato di spalle: quando si è voltato ha visto quello che era successo, ma ha riferito di “non aver udito grida di aiuto”. Luana viveva a Pistoia, con i genitori e il fratello e il suo piccolo bambino.

L’allarme è scattato subito, sul posto sono arrivati oltre ai vigili, carabinieri e sanitari, sono risultati vani i soccorsi. Intervenuti anche i tecnici della Asl Toscana centro. Il macchinario e l’area circostante l’azienda tessile sono sotto sequestro per la verifica dei dispositivi di sicurezza. La magistratura ha disposto l’autopsia.

Il sindaco di Montemurlo, Simone Calamai, ha dichiarato: “È una tragedia che colpisce tutta la comunità e mi stringo in segno di cordoglio, anche a nome di tutta l’amministrazione comunale, alla famiglia della giovane. Aveva avuto un figlio da poco, era felice. Siamo vicini al piccolo e a tutta la famiglia. Covid e pandemia rischiano di farci perdere di vista il problema delle morti sul lavoro”. Di “grande senso di ingiustizia, di rabbia e dolore immenso” parla Alessandro Tomasi, sindaco di Pistoia, il cui pensiero “va alla madre e al padre di questa ragazza, al figlio piccolo che lascia e al fratello”. “Non si può morire sul lavoro a nessuna età”, le parole del governatore Eugenio Giani secondo cui questa tragedia “chiama ancora una volta alla responsabilità di tutti”. “Morire così non è accettabile” afferma il segretario generale della Uil Pierpaolo Bombardieri, “un’altra tragedia che ci addolora, ora basta”, il commento del segretario generale della Cisl Luigi Sbarra.

Quello di Luana è il secondo infortunio nella zona toscana tra Prato e Pistoia di quest’anno. Il 2 febbraio scorso è morto Sabri Jaballah, 23 anni, schiacciato da una pressa a Montale. Sempre in un’azienda tessile. I sindacati Cgil, Cisl e Uil di Prato protestano: “non si può non rilevare che ancor oggi si muore per le stesse ragioni e allo stesso modo di cinquant’anni fa: per lo schiacciamento in un macchinario, per la caduta da un tetto. Non sembra cambiato niente, nonostante lo sviluppo tecnologico dei macchinari e dei sistemi di sicurezza. È come se la tecnologia si arrestasse alle soglie di fabbriche e stanzoni. Dove si continua a morire e dove, troppo spesso, la sicurezza continua ad essere considerata solo un costo”.

Leggi anche: Oltre 6.500 operai immigrati sono morti in Qatar nei cantieri per i Mondiali di calcio

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste
Cronaca / Lo storico Emilio Gentile a TPI: “Sciogliere Forza Nuova? Attenzione all’effetto martirio”
Cronaca / Viaggio nella galassia No pass: “Non siamo tutti fascisti”
Cronaca / Lotta eversiva, affari oscuri e droga: chi sono i militanti di Forza Nuova che hanno assaltato la Cgil
Cronaca / Effetto Draghi: le stragi in mare non indignano più