Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Rischio zona gialla nel Lazio: variante Delta al 43 per cento”

Immagine di copertina

Nel Lazio l’incidenza della variante Delta è già salita al 43 per cento: 83 per cento di casi in più in una sola settimana, ben al di sopra della media nazionale. Tanto che per Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma, si rischiano “chiusure estive e zone gialle”.  Il rischio maggiore che il contagio continui a diffondersi, ha spiegato Magi all’edizione locale del Corriere della Sera, è negli assembramenti, perché i partecipanti non si possono tracciare.

“E come lo fai il tracciamento dei positivi nelle piazze? Per discoteche e locali chiusi ci vuole il green pass, come serve il rispetto delle regole. I vaccini tutelano da questa variante e il Lazio ha ottimi numeri di immunità, ma serve senso civico”, ha dichiarato.

Partite di calcio, eventi musicali, vacanze, queste le attività che risultano più rischiose, come la festa privata scoperta dai vigili dentro Cinecittà World, nel quartiere Eur di Roma, che ha raccolto circa 300 persone assembrate senza autorizzazioni. “Bisogna mantenere alta l’attenzione, usare la mascherina quando non è garantito il distanziamento, vaccinarsi, soprattutto tra i più giovani prima di andare in vacanza”, ha sottolineato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, affinché la Regione non sia costretta a richiudere. “Non chiusure, ma vaccini”.

“Serve continuare a spingere sul fronte protezione, perché se è vero che i giovani sono i più colpiti dal virus, poi rischiano di contagiare genitori e nonni che, se vaccinati, corrono meno rischi di finire in ospedale. Al momento un adulto su due ha ricevuto due dosi, sono 5,9 milioni quelle somministrate”. La chiave dunque, resta quella di continuare a vaccinare.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Cronaca / Prescrive cure alternative al telefono e il paziente muore: arrestato medico no vax
Cronaca / Oms, Tedros: “Condizioni globali perfette per l’emergere di nuove varianti”
Cronaca / Covid, Figliuolo: “Raggiunto il picco, ora si va in discesa”
Cronaca / Morte Lorenzo Parelli, direttore dell’ispettorato Lavoro a TPI: “L’alternanza scuola-lavoro non può essere un’attività lavorativa dissimulata”
Cronaca / Max Mara, Victoria’s Secret e il nail bar: le spese pazze che hanno portato alla condanna di Renata Polverini
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine