Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Quale pandemia? Sarete tutti giudicati”: giornalista del Tg1 aggredita in Romania da senatrice no vax | VIDEO

Immagine di copertina
Credit: Frame video tg1/Raiplay

In Romania, la giornalista del Tg1, Lucia Goracci, insieme alla troupe del telegiornale vengono sequestrati e aggrediti da una senatrice no vax, Diana Iovonovici Șoșoacă.

Tutto accade durante un’intervista nello studio della parlamentare quando, a un certo punto, questa inizia a innervosirsi, diventando aggressiva – come documenta il servizio andato in onda al Tg1 – e chiama la polizia dicendo: “Delle persone si sono introdotte nel mio ufficio e mi stanno minacciando”. Questo dopo aver chiuso Goracci e la troupe nella stanza insieme a lei. Ma la giornalista riesce a uscire dal portone e chiede aiuto alle forze dell’ordine spiegando che i suoi colleghi “sono chiusi dentro ad un pezzo”. A quel punto il marito della senatrice aggredisce l’inviata, la prende a pugni. Goracci grida alla polizia “Voi non ci state proteggendo, siamo giornalisti!” ma la parlamentare li accusa anche di furto: “Perquisiteli, devono anche avere rubato” e chiede agli agenti, o meglio, afferma in tono imperativo: “Cancellategli tutte le immagini”.

Una volta arrivati al commissariato, i giornalisti vengono perquisiti – come racconta l’inviata nel servizio del Tg1 – “colpevoli solo di essere andati a vedere da vicino una parte della storia”. Vengono liberati otto ore dopo grazie all’intervento dell’ambasciata italiana.

La Romania è uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia con un tasso di vaccinazione molto basso: il 39,9% della popolazione ha ricevuto due dosi. Non si fidano delle istituzioni, credono a quello che circola sui social. Il Paese ha registrato anche numerosissimi decessi. Nonostante quest’evidenza, la senatrice no vax, nel servizio di Lucia Goracci, in un primo momento nega i morti e poi minimizza e mette in dubbio la pandemia. Dice: “Saranno tutti giudicati, sarà una Norimberga 2”.

“La Romania chieda scusa per la grave aggressione all’inviata della Rai Lucia Goracci e ai suoi collaboratori. Se Bucarest è ancora Europa, fatti del genere non devono accadere”, è quanto scritto in una dichiarazione dell’Usigrai, l’Unione sindacale dei giornalisti, che conclude: “Ci aspettiamo che il governo italiano e l’Unione Europea chiedano spiegazioni al governo rumeno su quanto è accaduto”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Cronaca / Pregliasco a TPI: “Priorità ai vaccinati? È una scelta normale, altrimenti restano a casa i casi gravi”
Cronaca / Venezia, Malkovich in laguna per girare una serie tv: respinto dall’Hotel per il green pass scaduto
Cronaca / Raoul Bova a processo con l’accusa di lesioni e minacce: fece a botte con un automobilista
Cronaca / Meloni positiva al Covid a Natale. Negativa alla ripresa delle attività
Cronaca / Ruby ter, difesa Berlusconi chiede rinvio processo per elezione Quirinale. Giudici accolgono
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / “In passato abitavo ai Parioli e avevo tre Ferrari”. La storia di Alberto che oggi vive per strada