Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Verbania, famiglia travolta da un’auto “impazzita”: un morto e tre feriti gravi

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 24 Mar. 2019 alle 12:44 Aggiornato il 24 Mar. 2019 alle 12:45
0
Immagine di copertina
ANSA/RENATO BALDUCCI

Dramma a Intra, frazione di Verbania. Un’auto “impazzita” ha travolto un’intera famiglia, nonno, nonna, mamma e bambino, che stava passeggiando lungo il ponte che conduce verso Pallanza.

Il bilancio è tremendo: morto il nonno, un uomo di 54 anni. Feriti, in maniera grave, la nonna, la mamma e un bambino di 20 mesi.

È accaduto nella serata di ieri, sabato 23 marzo. I quattro stavano camminando verso via Vittorio Veneto quando, all’altezza del ponte che conduce verso Pallanza, un’auto li ha travolti.

Alla guida dell’autovettura, una Ford Focus, c’era un giovane di 25 anni. La vittima, Gianni Agosti, era un commerciante d’auto molto conosciuto nel comune di Cossogno.

Il giovane è stato rilasciato: dopo essere stato portato in caserma dai carabinieri in evidente stato di schock, è risultato negativo sia all’alcoltest che ai test antidroga. Resta comunque indagato.

In queste ore la polizia stradale, intervenuta insieme ai soccorsi sul luogo della tragedia, sta indagando per capire le cause del drammatico incidente.

Secondo quanto si apprende l’auto ha imboccato la discesa del ponte quando il giovane alla guida ha perso il controllo del mezzo, finendo per travolgere l’intera famiglia.

Per l’uomo, sbalzato al di sotto del parapetto, purtroppo non c’è stato nulla da fare, mentre le due donne, la mamma e la nonna del piccolo, sono in gravi condizioni trasportate all’ospedale di Novara.

Grave, invece, la figlia dell’uomo, madre del bimbo di dieci mesi. La donna ha accusato un forte trauma cranico.

La nonna, moglie di Agosti, ha invece riportato fratture multiple. Fuori pericolo, secondo le ultime informazioni, il bambino di venti mesi che ha però subito la frattura del bacino.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.