Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La vita da missionaria, la ricostruzione ad Haiti dopo il terremoto: chi era la Suora italiana uccisa a Port au Prince

Immagine di copertina

Aveva 65 anni ed era nata a Lecco Luisa Dell’Orto, la suora italiana morta sabato 25 giugno a Port au Prince, ad Haiti, nel corso di un’aggressione armata, probabilmente a scopo di rapina.

Ma chi era la suora italiana uccisa, conosciuta come “suor Luisa”? Per tutta la vita si era spesa per lo studio e per le comunità più remote, dal Camerun al Madagascar. La sua carriera accademica era iniziata nel 1984 con una laurea in Storia e Filosofia a Lecco. Nello stesso anno era entrata nella Congregazione delle Piccole sorelle del Vangelo di Lione. Nel 1987 era partita per il Camerun: aveva vissuto nella foresta di Salapombe, tra i Pigmei Baka, fino al 1990. Nel frattempo a Lomagna era sorto il Gruppo Missionario a sostegno di questa popolazione. Nel 1994, in Svizzera, aveva conseguito la laurea in Teologia. Dal 1997 al 2001 era stata missionaria in Madagascar, dove alle varie attività pastorali aveva affiancato l’insegnamento di Etica Generale e Speciale. Dal 2002 era missionaria ad Haiti. Aveva insegnato anche Storia della Filosofia e la Dottrina sociale della Chiesa e ha fatto parte del Comitato di Redazione di una rivista locale.

Proprio a Port au Prince, dove veniva chiamata “seur Luise” era diventata per la comunità una vera e propria istituzione, colonna portante di Kay Chal, “Casa Carlo”, in un sobborgo poverissimo della città in cui aveva dedicato la sua vita e la sua missione ai bambini vittima di schiavitù. “Casa Carlo” è stato ricostruita grazie ai fondi raccolti dalla Caritas italiana con la maxi-colletta del 2010, promossa dalla Cei. Quando era arrivata ad Haiti nel 2002 la struttura esisteva già. Era stata, però, proprio “seur Luise” ad occuparsi della sua ricostruzione dopo il catastrofico terremoto del 2010. L’aggressione è avvenuta ieri mentre la donna si trovava per strada. Gravemente ferita, è stata portata d’urgenza all’ospedale Bernard Mevs, dove si è spenta poco dopo, due giorni prima di compiere 65 anni.

 

 

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Anzio, uomo picchia la moglie. La figlia di 10 anni chiama il 112
Cronaca / Il re di TikTok Khaby Lame ha ricevuto la cittadinanza italiana: “Sono molto orgoglioso”
Cronaca / Fanno surf nel Canal Grande, il sindaco di Venezia: "Una cena a chi individua i due imbecilli"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Anzio, uomo picchia la moglie. La figlia di 10 anni chiama il 112
Cronaca / Il re di TikTok Khaby Lame ha ricevuto la cittadinanza italiana: “Sono molto orgoglioso”
Cronaca / Fanno surf nel Canal Grande, il sindaco di Venezia: "Una cena a chi individua i due imbecilli"
Cronaca / Il ristoratore allega la bolletta della luce al menù: “La pizza a 10 euro? O passo per ladro o chiudo”
Cronaca / Salva la padrona da un dirupo, alla border collie Shiva il premio Fedeltà del Cane
Cronaca / Padre e figlio di 5 anni muoiono in mare: "I suoi tre figli stavano annegando, si è tuffato per salvarli"
Cronaca / Lettera di uno studente 15enne: “L’Italia deve ripartire dai giovani, il centrodestra non lo ha capito”
Cronaca / Pistoia, bambina di sei anni violentata dal vicino di casa. Arrestato pensionato di 69 anni
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, “Categorie a rischio nella circolare del Ministero. Così torna lo stigma”
Cronaca / Monza, arrestati i trapper Jordan e Traffik. Hanno rapinato un uomo al grido di “Vogliamo ammazzarti perché nero”