Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Suora “No vax”, il fratello medico la “denuncia” al Vescovo di Padova

Immagine di copertina
Immagine di archivio. Credit: Pixabay

Un medico in pensione ha “denunciato” la sorella suora “No Vax”, e le altre 5 suore del monastero di Montegalda (Vicenza)  contrarie all’iniezione, al Vescovo della Diocesi di Padova. In una lettera inviata alla Curia di Padova da Primo Brugnaro, il dottore e fratello di Angela, la madre superiora in questione, ha scritto: “Nonostante l’appello al vaccino del Papa, dei vescovi e del presidente Mattarella, avete un covo di no vax che spinge in tal senso anche con foto e appelli al limite del ridicolo. È il monastero a Montegalda con la madre superiora che vive di cellulare e di quotidiana e sciocca propaganda no vax. Il colmo è che è mia sorella. Ora mi rivolgo al vescovo affinché prenda un provvedimento”. La storia è stata riportata da Il Gazzettino.

“Parliamo di suore tra i 50 e i 70 anni e credo che tutte siano indottrinate come no vax. Nessuna si è vaccinata e alla messa la domenica non vengono rispettate le disposizioni di legge, come l’obbligo di mascherine – ha dichiarato al Gazzettino Primo, 72 anni, dottore in pensione che adesso vaccina come volontario all’ospedale militare di Padova – Io e mia sorella ci vogliamo un bene enorme, ma da oltre un anno mi infastidisce questa sua posizione. Ha diversi gruppi Whatsapp e come riceve messaggi no vax subito li ricicla”.

La madre superiora del monastero a Montegalda ha replicato che “Ho voluto aspettare, perché bisogna correre subito? Non sono contraria, ho pensato che attendendo avrei trovato un vaccino più sicuro. D’altronde le case farmaceutiche sono ancora al lavoro”. E in merito ai messaggi Whatsapp ha detto: “Quei testi non sono scritti da me, io li ricevo e li inoltro”.

“Abbiamo un coro distaccato – ha aggiunto la donna -. Tutti hanno la mascherina e abbiamo messo 40 sedie distanziate. Rispettiamo le regole, dal vescovo e dal vicario non abbiamo ricevuto comunicazioni”. Per quanto riguarda le consorelle ha invece concluso dicendo: “Le ho lasciate libere. È una cosa molto delicata e io non impongo nulla. Il vaccino non è obbligatorio”
.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il 4 novembre sarà la “Giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate”: via libera alla legge
Cronaca / Gruppo FS e il MAECI insieme per gli italiani nel mondo
Cronaca / “Lasciateci insegnare!”: la mobilitazione di Sinistra Universitaria
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il 4 novembre sarà la “Giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate”: via libera alla legge
Cronaca / Gruppo FS e il MAECI insieme per gli italiani nel mondo
Cronaca / “Lasciateci insegnare!”: la mobilitazione di Sinistra Universitaria
Cronaca / Roma, sacerdote trovato morto dentro una cabina per fototessere
Cronaca / Fabrizio Corona condannato per diffamazione ai danni di Wanda Nara, Icardi e Brozovic
Cronaca / Con il “Valore di una vita”, gli Alorem hanno aperto l’evento “Life for Gaza”
Cronaca / Angelo Brancasi condannato a 23 anni per l’omicidio di Alessio Madeddu, lo chef di “4 Ristoranti” ucciso in Sardegna
Cronaca / Va in ospedale e viene rimandato a casa dopo il controllo, muore due giorni dopo. Aperta l’inchiesta
Cronaca / Allarme degli 007: “Campagna ibrida russa contro l’Italia, attenzione alle elezioni”
Cronaca / Ischia, morta Antonella Di Massa: il corpo è stato trovato dagli inviati di “Chi l’ha visto?”