Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Guerra in Ucraina, Zerocalcare: “Non sono pacifista. Ci sono anche le guerre di liberazione”

Immagine di copertina

“Non sono pacifista. Mi schiero contro alcune guerre, ma non sono per la non-violenza a tutti i costi. Ci sono anche le guerre di liberazione, no? I curdi stessi sono in guerra. Quanto al buonismo… Non ci trovo nulla di bello nel dirsi cattivo, ma non cerco di essere buono a tutti i costi”. In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, il fumettista Zerocalcare, al secolo Michele Rech, spiega perché non ha preso posizione sulla guerra in Ucraina

Tanti mi chiedono: ‘Perché non dici o non disegni la tua sull’Ucraina?’. Ma io ho difficoltà a dare risposte tranchant e diffido di chi lo fa. Il fatto stesso che io mi debba barcamenare in questa cosa dà l’idea di quanto ci informiamo male. C’è chi crede di potersi fare un’opinione seguendo un influencer! Oppure chiedendo a me! Ma io non ho gli strumenti per fare un’analisi geopolitica, posso solo ripetere quello che ho letto. Ma ci si dovrebbe informare con la complessità, non con la semplificazione”, continua.

“In Ucraina è in corso un’aggressione e i civili stanno attraversando qualcosa che dovremmo cercare di far finire il prima possibile”, dice Zerocalcare, reduce dal successo della serie Netflix “Strappare lungo i bordi“. “C’è chi dice che bisogna dare armi agli ucraini, e chi dice che dare armi è sbagliato perché non bisogna alimentare il conflitto. In entrambe le posizioni riconosco qualcosa di eticamente valido. Ma bisogna pensare alle conseguenze, che sarebbero in ogni caso pesantissime. Sta lì, il dilemma. E chi non se lo pone è superficiale oppure è un pezzo di merda. Su questo tema, ho più bisogno di ascoltare che di essere quello che si pronuncia”, aggiunge.

Nella seconda metà del 2022 è atteso il suo prossimo fumetto: “Nel 2021 sono stato tra Iraq e Siria, perché i curdi mi hanno detto che c’è bisogno di raccontare quello che sta succedendo lì: se il fumetto esce tra tre anni, non serve a nulla. È vero, potrei mandare tutti a quel paese, ma io considero i fumetti come una declinazione del mio modo di stare al mondo e prima di essere un fumettista sono una persona con un’esigenza di militanza”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Maestra insegna l’inno della Roma agli alunni, un genitore protesta: “Mio figlio è laziale, piangeva”
Cronaca / “È normale che Gianluca Vacchi si arrabbi se non fai come dice lui”: la presa di posizione dei dipendenti
Cronaca / “Un sacchetto in testa, ma non moriva”: così è stata uccisa Laura Ziliani
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Maestra insegna l’inno della Roma agli alunni, un genitore protesta: “Mio figlio è laziale, piangeva”
Cronaca / “È normale che Gianluca Vacchi si arrabbi se non fai come dice lui”: la presa di posizione dei dipendenti
Cronaca / “Un sacchetto in testa, ma non moriva”: così è stata uccisa Laura Ziliani
Cronaca / Cosenza, vicepreside fa coprire i jeans strappati di una studentessa con lo scotch: “Inadeguati al contesto”
Cronaca / Elisabetta Franchi, la testimonianza: “Fece tornare diversi manager dalle vacanze per un meeting improvvisato”
Cronaca / Castellammare, spari tra la folla della movida: ferita una ragazza di 23 anni
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Cronaca / Lavoro h24: “Che il diritto salariale delle casalinghe sia fissato per legge”
Cronaca / Neonata ricoverata per emorragia cerebrale: risultata positiva alla cocaina