Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Gratta e Vinci rubato, parla il figlio del presunto ladro: “Tutti contro di noi. Ma la mia famiglia non c’entra niente””

Immagine di copertina

“Quanto vale la vita, la serenità di una persona, più o meno di 500mila euro?”, se lo chiede Salvatore, figlio di Gaetano Scutellaro, l’uomo trovato a Fiumicino dalla polizia, pronto a partire per le isole Canarie dopo aver aperto un conto corrente in cui far confluire la vincita di 500mila euro di un Gratta e Vinci.

Scutellaro non è il titolare del rivenditore di Napoli in cui il Gratta e Vinci è stato venduto, ma per tutti è diventato “il tabaccaio”. Secondo la denuncia di un’anziana signora che rivendica di aver acquistato il biglietto vincente, l’uomo – che ha dichiarato di essere l’ex marito della titolare del negozio – le avrebbe rubato il ticket e poi sarebbe fuggito.

Aveva pronto un biglietto per Fuerteventura. Ora si trova nel carcere di Santa Maria Capua Vetere in quanto indiziato dalla Procura di Napoli dei delitti di furto pluriaggravato e tentata estorsione. Il figlio lavora invece nel bar che sorge accanto al rivenditore salito agli onori della cronaca domenica sera.

A Fanpage dice: “Noi non c’entriamo niente”. Vorrebbe, insieme alla sua famiglia, riuscire a lavorare e recuperare la serenità perduta, ma è difficile, perché in città e sui media si parla solo di loro. Un accanimento di cui non comprende il motivo e che ha travolto anche i suoi figli.

Visto e considerato che anche stamattina i giornali mettono in bocca parole che non ci appartengono, ci vogliono far dire cose che non sono veritiere, tra domande e interviste, non siamo in grado di dire quale sia la verità o il falso. Noi siamo estranei a questa cosa, la Procura sta facendo delle indagini che daranno sicuramente un riscontro. Comunque sia il fatto noi non entriamo in questa vicenda”, afferma Salvatore.

Chiede che la sua famiglia sia lasciata in pace, ma lancia anche un appello alla Federazione dei Tabaccai, perché non siano lasciati soli. “Vogliamo solo lavorare, non c’entriamo niente in questa vicenda”, dice.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Cronaca / Roma, giovane straniero linciato dalla folla: “Si è denudato di fronte a una minore”
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto