Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio

Immagine di copertina

Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio

Una ginecologa è imputata per omicidio colposo in un processo iniziato oggi a Torino per la morte di una sua paziente a causa di un tumore al seno. Secondo la procura, la ginecologa non avrebbe prescritto tempestivamente gli esami necessari, nonostante le reiterate richieste della 38enne. Il medico avrebbe anche rassicurato la paziente sulla possibilità di intraprendere una seconda gravidanza, che secondo l’accusa, avrebbe portato a velocizzare lo sviluppo della neoplasia, fino alla morte avvenuta nel 2018, due anni dopo aver avuto il secondo figlio.

La donna si era rivolta al medico nel 2014, dopo aver iniziato ad avvertire dolori al seno durante l’allattamento del primo figlio. Dopo averle prescritto alcune ecografie, dalle quali sarebbe emersa una fibroadenosi, il medico avrebbe continuato a rassicurare la paziente e, secondo la procura, non avrebbe prescritto gli approfondimenti diagnostici necessari, come una mammografia, una risonanza magnetica, l’agoaspirato o una visita più specialistica.

La diagnosi di tumore sarebbe arrivata a luglio 2016, quando la donna, incinta del secondo figlio, ha avuto un “cedimento osseo” ed è stata ricoverata in ospedale. Qui è stato riscontrato un tumore al quarto stadio, “in fase metastatica con multiple localizzazioni linfonoidali ed ossee”, mentre il figlio è stato fatto nascere d’urgenza. Per la procura la diagnosi tardiva avrebbe “impedito il tempestivo inizio dei trattamenti sanitari adeguati rispetto alla malattia”, portando alla morte della donna il 7 dicembre 2018.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”
Cronaca / Covid, oggi 17.030 casi e 74 morti: tasso di positività al 2,9%