Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Galimberti a TPI: “Nella società dell’efficienza se non sei produttivo non esisti”

Immagine di copertina

"La razionalità tecnica è diventata il nostro modo di pensare: così amore, dolore, fantasia sono solo elementi di disturbo". Intervista al filosofo Umberto Galimberti

«Le persone sono considerate non più in quanto tali, ma sulla base dei valori della tecnica: efficienza, produttività, velocizzazione del tempo. Il disastro è che la nostra psiche è lenta rispetto alla velocità a cui siamo sottoposti: l’umano non ha la velocità dell’informatica, però è costretto a stare in quella dimensione. Ed è così che studenti e adulti finiscono sotto stress». La diagnosi è quella del filosofo Umberto Galimberti.

Professore, il ministro Cingolani dice che la scuola deve dare più spazio alle competenze tecniche. È d’accordo?
«Stimo il ministro, ma non sono d’accordo. Le scuole, dalla prima elementare ai 18 anni, devono formare l’uomo, non trasmettere competenze. Le materie umanistiche, attraverso la letteratura, insegnano una cosa molto importante: i sentimenti».

Quindi la scuola dovrebbe insegnare i sentimenti?
«I sentimenti non li abbiamo per natura, li abbiamo per cultura. È con la letteratura che si impara cosa sono il dolore o l’amore. Se aboliamo la formazione dell’uomo, salta la sua capacità di discernere tra i fattori emotivi e i fattori sentimentali».

E questo cosa comporta?
«Che i giovani non hanno più la risonanza emotiva dei loro comportamenti: non distinguono più tra il parlar male di un professore e il prenderlo a calci, o tra il corteggiare una ragazza e lo stuprarla…».

Colpa della scuola?
«La scuola italiana non educa. Perché non segue i ragazzi in questo percorso emotivo, che diventa enorme, diventa il centro della vita adolescenziale»…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, palazzo in fiamme a Colli Aniene: un morto e 17 feriti
Cronaca / Omicidio Giulia Tramontano, l’avvocato di Impagnatiello: “Dice che unico pentimento è togliersi la vita”
Cronaca / Festa della Repubblica, gaffe del Tg1: “Gli italiani scelsero la monarchia”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, palazzo in fiamme a Colli Aniene: un morto e 17 feriti
Cronaca / Omicidio Giulia Tramontano, l’avvocato di Impagnatiello: “Dice che unico pentimento è togliersi la vita”
Cronaca / Festa della Repubblica, gaffe del Tg1: “Gli italiani scelsero la monarchia”
Cronaca / La confessione di Impagnatiello: “Ho ucciso Giulia a coltellate“. Il cadavere nascosto per un giorno nel bagagliaio
Cronaca / A che ora è il passaggio delle Frecce Tricolori alla parata del 2 giugno 2023 a Roma: l’orario
Cronaca / Parata 2 giugno 2023 a Roma, biglietti: dove acquistarli, le informazioni
Cronaca / Parata 2 giugno 2023 a Roma: strade chiuse e deviazioni linee bus
Cronaca / A che ora inizia la parata del 2 giugno 2023 a Roma: orario e durata
Cronaca / Parata 2 giugno 2023 a Roma: tutto quello che c’è da sapere
Cronaca / 2 giugno 2023: supermercati e negozi aperti o chiusi in Italia per la Festa della Repubblica. Info e orari