Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ferrara, case popolari assegnate solo agli italiani. Il sindaco leghista: “Rivoluzionario”

Immagine di copertina
Case popolari di Ferrara Credits: Google street view

A Ferrara per la prima volta le case popolari vengono assegnate nella loro totalità ad italiani: nelle prime 157 posizioni non c’è neanche una persona di un’altra nazionalità. Il sindaco leghista Alan Fabbri ha definito il risultato “rivoluzionario”.

Per arrivare a questi numeri, la giunta della Lega ha cambiato il regolamento comunale, dando molto più peso alla residenzialità storica dei richiedenti e aprendo l’accesso agli alloggi Acer a nuove categorie di assegnatari.

La 32esima graduatoria per l’assegnazione del comune dell’Emilia Romagna è la prima formulata in base ai nuovi criteri. In particolare, ad oggi, 259 sono le domande accolte in via definitiva, 473 quelle ammesse con riserva e 14 le escluse.

“Abbiamo ristabilito una equità sociale che era stata cancellata dai finti buonismi delle amministrazioni Pd”, ha commentato Fabbri. I 157 (su 746 domande) comprendono nuclei stranieri che hanno acquisito la cittadinanza. “Abbiamo garantito il diritto alla casa alle famiglie che da più tempo risiedono nel nostro Comune che erano da anni penalizzate“, ha specificato il primo cittadino.

“Il criterio della residenzialità storica valorizza chi da più tempo abita nella nostra città, italiano o immigrato che sia, e chi lavora e vive Ferrara contribuendo alla sua crescita e al suo sviluppo – ha proseguito il sindaco – assegnando un punteggio per ogni anno di vita a Ferrara. Oltre a questo abbiamo valorizzato le giovani coppie e i nuclei monogenitoriali, compresi quelli separati con figli, andando incontro a quelle che sono le nuove e reali necessità della popolazione. Abbiamo messo in piedi una rivoluzione dolce che porta con se un significato importante: la casa popolare non deve più essere considerata un servizio dedicato quasi esclusivamente alle famiglie immigrate, ma un servizio a disposizione di tutti, utile alle famiglie come momento di passaggio che sostiene le famiglie nella ricerca di una autonomia economica futura”.

TUTTI GLI ARTICOLI DI CRONACA DI TPI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Via le mascherine all’aperto, il Governo cambia idea: probabile stop già da fine giugno
Cronaca / Muore un 14enne nel modenese
Cronaca / Il 27,5% degli italiani ha completato il ciclo vaccinale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Via le mascherine all’aperto, il Governo cambia idea: probabile stop già da fine giugno
Cronaca / Muore un 14enne nel modenese
Cronaca / Il 27,5% degli italiani ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Green Pass, il governo firma il decreto: cos'è e come si ottiene
Cronaca / Covid, 1.325 nuovi casi e 37 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Il padre di Saman Abbas minacciò il fidanzato: “Lascia mia figlia o sterminiamo tutta la tua famiglia”
Cronaca / TPI Fest! arriva per la prima volta a Tor Bella Monaca (Roma, 22 – 23 – 24 Giugno)
Cronaca / L'allarme di Gimbe: "Numero di tamponi crollato, così si perde il tracciamento delle varianti"
Cronaca / Camilla Canepa, al pronto soccorso Tac senza contrasto ma Aifa indicava un’altra procedura
Cronaca / Stop al coprifuoco da lunedì, tutta Italia in zona bianca tranne la Valle D’Aosta: cosa cambia