Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Esce a ritirare pacco di aiuti alimentari per il nipote di 1 anno: multa di 746 euro

Immagine di copertina

Esce a ritirare pacco aiuti alimentari per nipote neonato: multa di 746 euro

Una donna di 56 anni ha ricevuto una multa di 746 euro perché in strada per andare a ritirare il pacco di aiuti alimentari destinato al nipote di un anno. La donna, tra la rabbia e la frustrazione, ha dichiarato: “Stavo andando a prendere il pacco alimentare per il mio nipotino. Non ero in giro per divertirmi”. Patrizia, 56enne di Pisa con un passato di lavori precari, ha raccontato l’intera vicenda al quotidiano Il Tirreno. Sanzionato anche il fratello della donna, che era in auto con lei.

L’episodio si registra alcune settimane dopo un’altra sanzione che fece scalpore; quella da 530 euro che era stata fatta a fine aprile dalla polizia stradale di Livorno – in chiave di contrasto alla violazione delle prescrizioni anticoronavirus – al conducente di una vettura su cui viaggiavano la moglie, un figlio e, in particolare, la figlia con la leucemia, che da poco era stata sottoposta a un trapianto di midollo e che era stata portata ad una visita di controllo. Una visita alla quale doveva necessariamente sottoporsi.

“Mia figlia è abituata ad andare in ospedale con la madre, che però ha da poco la patente e non si sente tranquilla a guidare in un viaggio così lungo”. Giustificazione ritenuta inutile degli agenti e multa al guidatore da 530 euro: “Io sono in cassa integrazione e questo mese ho preso 590 euro”, aveva aggiunto l’uomo.

Secondo i poliziotti non c’erano giustificazioni accettabili per lo spostamento. Poi il passo indietro. Dall’esame degli atti acquisiti per verificare la circostanza, spiegano nel comunicato stampa del Viminale, “risultavano invece assolutamente sussistenti le oggettive condizioni che consentivano anche alla mamma di accompagnare la sua bambina, tenuto conto degli oggettivi motivi di salute e dell’esigenza di badare anche all’altro figlio minore”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto lo stilista Renato Balestra, aveva 98 anni
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Cronaca / Il video di un poliziotto che prende a calci e manganella un 24enne ubriaco nel centro di Rieti | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto lo stilista Renato Balestra, aveva 98 anni
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Cronaca / Il video di un poliziotto che prende a calci e manganella un 24enne ubriaco nel centro di Rieti | VIDEO
Cronaca / Cade da una nave da crociera e sopravvive in acqua per ore: “È un miracolo”
Cronaca / Maltempo, frana a Ischia: morta una donna, 11 i dispersi. Ritrovata la famiglia con il neonato
Cronaca / Il caso Rossignoli e l’equivoco sul merito
Cronaca / Trapani, brutale aggressione in centro storico: donna picchiata e abbandonata in una pozza di sangue
Cronaca / Offriva la moglie ai clienti per pagare le bollette: fruttivendolo a processo per sfruttamento della prostituzione
Cronaca / Reggio Emilia, infila la testa della moglie nel forno: arrestato 60enne
Cronaca / Eutanasia, Marco Cappato torna in Svizzera per un nuovo suicidio assistito: “È disobbienza civile”