Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Dpcm, spostamenti tra Regioni e nuovo governo: ecco cosa può succedere dal 15 febbraio

Immagine di copertina

In questa delicata fase di transizione che l’Italia sta attraversando, il governo Conte è in carica soltanto per gli “affari correnti”, ma c’è una data cruciale che si avvicina: quella del 15 febbraio, quando scadrà l’ultimo Dpcm. Sarà quello l’ultimo giorno del divieto di “ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, con eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute”. Senza un decreto dal 16 non ci sarà più alcuna restrizione. Se il presidente Draghi dopo aver sciolto la riserva, presentato la squadra, giurato al Quirinale e incassato la fiducia decidesse di prorogare il divieto di spostamento, servirebbe un decreto legge. Sembra però scontato che il nuovo presidente del Consiglio non vada in Parlamento prima del 16 febbraio. Ci sono dunque due opzioni che probabilmente ricadranno fin da subito su Draghi: varare comunque un nuovo provvedimento prima del voto parlamentare oppure far semplicemente decadere il precedente.

Per il momento il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia è stato tra i pochi a essersi esposti pubblicamente. “Sarà il nuovo governo – ha detto – a fare una valutazione, e, sulla base del quadro epidemiologico, sulla mobilità tra le Regioni nelle diverse fasce e in particolar modo in fascia gialla, anche perché eventuali misure limitative necessitano di un apposito decreto legge”. Anche perché sul tema del nuovo Dpcm si è aperto un vero e proprio fronte durante le consultazioni, con diversi esponenti leghisti che hanno giurato – una volta usciti dal faccia a faccia con Mario Draghi – che il premier in pectore non userà più quello strumento.

La scelta più plausibile sembra quella di prorogare i divieti del Dpcm, visto che i contagi sono in ripresa, le varianti stanno cominciando a diffondersi a macchia di leopardo ed è scattata l’introduzione (a partire da oggi) delle cosiddette microzone rosse.

Il 5 marzo scadono molti altri divieti, tra cui quello del coprifuoco tra le 22 e le 5 e la chiusura alle 18 dei ristoranti (in zona gialla). Entro quella data il governo dovrà decidere se confermarli o eliminarli. Molto dipenderà da chi entrerà a far parte della squadra di Draghi. Il Cts ha precisato di non aver mai dato un via libera alla riapertura dei ristoranti la sera. Ma le pressioni dei governatori aumentano. Per quanto riguarda palestre e piscine, il Comitato tecnico scientifico sta esaminando un protocollo che dovrebbe consentire almeno la partenza delle lezioni individuali. Per cinema e teatri, invece, la situazione è più fluida e un’eventuale riapertura il 6 marzo è in fase di valutazione.

Leggi anche: 1. I nuovi colori delle Regioni: la Sardegna diventa gialla, l’Umbria rischia il rosso / 2. Covid, vaccino russo Sputnik è efficace al 91,6% / 3. La Lombardia cerca infermieri “gratis” per somministrare i vaccini: scoppia la polemica / 4. “Vietato ammalarsi”: l’ordinanza del comune sardo dove non ci sono più medici di base

5. Covid, il durissimo scontro tra Bassetti e il medico no vax: “Non lo considero neanche un collega” | VIDEO / 6. “Con questi ritmi immunità di gregge non prima di settembre 2023”: lo studio della Fondazione David Hume / 7. Come leggere i dati Covid: in 6 Regioni aumenta l’incidenza dei ricoveri in ospedale

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Si decide per l'obbligo di Green Pass a docenti e ristoratori. Le restrizioni su navi e aerei
Cronaca / Il bambino tetraplegico rimasto senza alimenti per l’attacco hacker alla regione Lazio
Cronaca / Agrigento, l’appello dal letto di ospedale di una no-vax pentita
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Si decide per l'obbligo di Green Pass a docenti e ristoratori. Le restrizioni su navi e aerei
Cronaca / Il bambino tetraplegico rimasto senza alimenti per l’attacco hacker alla regione Lazio
Cronaca / Agrigento, l’appello dal letto di ospedale di una no-vax pentita
Cronaca / Green pass: lo avranno anche vaccinati o guariti all'estero
Cronaca / Immunizzato il 61,8% della popolazione italiana
Cronaca / Il report dell’Aifa sui vaccini: 16 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate
Cronaca / Imola, violenta la figlia 15enne e la mette incinta
Cronaca / 21 morti e 6.596 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 3,05%
Cronaca / Stella di David all’ingresso del bar: la protesta di un gestore contro il Green Pass
Cronaca / Focolaio di Covid a un matrimonio, almeno 40 invitati positivi