Covid ultime 24h
casi +14.078
deceduti +521
tamponi +267.567
terapie intensive -43

Rifiutava cibo e medicine: 73enne malata di Covid riprende a curarsi vedendo le figlie dalla finestra

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 7 Dic. 2020 alle 19:32
169
Immagine di copertina

Il Covid si combatte anche con la forza di volontà e con l’incoraggiamento. Questo insegnamento arriva dall’ospedale San Donato di Arezzo dove una donna di 73 anni, ricoverata da alcune settimane per Covid, rifiutava di farsi curare. La signora Gioconda si trova in ospedale ormai da 40 giorni. Prima era stata ricoverato in terapia intensiva dove i medici, a causa delle sue fragili condizioni di salute, l’avevano intubata per 6 giorni per farle indossare il casco per la respirazione e poi l’avevano trasferita nel reparto di malattie infettive con polmonite e sepsi.

“Rifiutava il cibo e le medicine, si strappava gli aghi. Dal punto di vista medico stava meglio ma non potevano curarla se lei rifiutava tutto”, racconta il dottor Danilo Tacconi, direttore del reparto, ad ArezzoNotizie. Da lì la decisione di telefonare alle figlie di Gioconda, con la proposta di mostrarsi alla mamma attraverso la finestra. “Il nostro reparto è al piano terra e quindi l’operazione era piuttosto semplice da organizzare. Lo abbiamo fatto. Adesso Gioconda ha accettato di riprendere a mangiare e a curarsi”, dice Tacconi.

I medici del San Donato di Arezzo hanno così spostato il letto della 73enne verso la finestra dove l’attendevano, dall’altra parte del vetro, le sue due figlie Manuela e Maura. Un semplice intervento che però ha avuto un effetto incredibile, perché da quel momento Gioconda ha ripreso a combattere, per poter prima o poi riabbracciare i suoi angeli.

“Non potevo entrare e parlare con la mamma. Su dei fogli le abbiamo scritto che le vogliamo bene e che ci manca. Li ho accostati al vetro della finestra. Nei suoi occhi ho visto il dolore e la paura. Spezza il cuore lasciare sola una persona che si ama quando sta male e rischia di morire – racconta Manuela, una delle due figlie della signora Gioconda – Lo so che non ci sono alternative e io non posso che ringraziare i medici per quello che hanno fatto e stanno continuando a fare. Non solo per la mamma ma anche per noi figlie, permettendoci di vederla anche se da una finestra”.

Leggi anche:  1. L’Abruzzo torna in zona arancione, il governatore firma l’ordinanza. Il governo: “Sarà diffidata”// 2. Il sindaco di Riccione a TPI: “Quei video degli assembramenti sono stati manomessi, c’ero anche io tra la folla. Bonaccini ha politicizzato l’accensione delle luci di Natale”; // 3. Covid, sciatori ammassati per la fila in funivia a Verbier: bufera in Svizzera; // 4. Il re dei mercatini dell’usato a TPI: “Lasciateci aperti, con il riuso la gente ci campa”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

169
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.