Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

Disabile costretto a spogliarsi in una diretta Instagram: “Ti spogli o no?

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 15 Apr. 2020 alle 14:46 Aggiornato il 15 Apr. 2020 alle 14:54
1.6k

Cyberbullismo, disabile costretto a spogliarsi in un direct Instagram

Venerdì 10 aprile durante una diretta Instagram è andata in scena una vicenda vergognosa: una ragazza pisana popolare sul social ha adescato un ragazzo disabile e l’ha costretto a spogliarsi davanti agli utenti che stavano assistendo alla chiamata virtuale.

La vittima è K., un ragazzo senegalese di 21 anni di Pontedera (Pisa), incapace di fare scelte consapevoli e sordo dalla nascita che utilizza un impianto cocleare per ascoltare e di comunicare. L’episodio è stato segnalato dalla pagina Instagram Aprite il cervello che ha pubblicato un frame del video in questione.

Nel video si sente la ragazza che chiede al giovane: “Ti spogli sì o no?”. “A fermare questo atroce atto di bullismo è stata una persona che ha riconosciuto il ragazzo ed ha avvertito la famiglia che ha raggiunto il bagno dove il ragazzo si era chiuso fermando il tutto”, si legge sulla pagina Instagram che ha denunciato l’episodio.

Il giovane ragazzo vittima di Cyberbullismo il giorno seguente all’umiliazione è rimasto “sopraffatto dalla vergogna non parlava più, fino a che ha compiuto il gesto di fuggire di casa. Famiglia e amici si sono messi subito alle ricerche del giovane che per fortuna è stato ritrovato dopo 3 ore in un paese dopo il suo”.

La ragazza è stata aggredita dagli utenti social per l’atto meschino che ha compiuto nei confronti del fragile ragazzo. “Come se non bastasse la ragazza, insieme alla propria sorella maggiore, ha fatto un’altra serie di dirette nelle quali si sono sentiti insulti omofobi nei confronti di un ragazzo e nelle quali è stato ribadito che non verrano fatte scuse, perché secondo la loro mente folle “si sa che il ragazzo è disabile, lo devono tenere a bada””, segnala la pagina Instagram.

Leggi anche: 1. Flavia, da vittima di bullismo a simbolo: “Tornavo a casa con i lividi, adesso parlo ai giovani” / 2. Cos’è il cyberbullismo, raccontato con alcune storie / 3. Revenge porn, i video erotici di una dottoressa sulle chat di polizia e carabinieri: “Chi doveva proteggermi mi ha umiliata”

1.6k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.