Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Flavia, da vittima di bullismo a simbolo: “Tornavo a casa con i lividi, adesso parlo ai giovani”

Flavia Rizza è una ragazza di 21 anni di Roma, che da piccola, per 7 anni, è stata vittima di bullismo online e offline. Un giorno ha deciso di rompere il silenzio e da allora racconta la sua storia in giro per l'Italia, per aiutare i ragazzi a reagire alla violenza

.
Bullismo, storia di Flavia Rizza: “Tornavo con i lividi, ora parlo ai giovani”

“Fai schifo, sei inutile, puzzi, occupi spazio. Devi morire. E tornavo a casa con i lividi. Tutto questo me lo porto dentro, ma si può vincere: tutti possono farcela”.

Parla agli studenti da un palco del liceo cinematografico Rossellini di Roma Flavia Rizza. Ventuno anni, vittima di bullismo dalle elementari alle medie, oggi blogger e testimonial della polizia postale per una campagna contro le violenze online e offline. Il suo coraggio ammutolisce i giovani in sala e i suoi occhi grandi parlano delle molte battaglie che ha dovuto affrontare.

Flavia studia teatro e sogna di fare l’attrice (“In cinque anni ho promesso a mia mamma che sarò a Venezia!”, dice sorridendo). Recitare l’ha aiutata a capire la sua storia e a calarsi addirittura nei panni di chi l’ha tanto odiata.

Anni difficili

L’hanno presa in giro per il suo corpo, l’hanno pestata di botte e isolata a scuola e fuori. Ora risponde tranquilla alle domande che le fanno altri ragazzi. “Dagli otto ai dodici anni le prese in giro – racconta Flavia a TPI – le spinte e i calci sono stati quotidiani. Soffrivo di obesità, ero molto molto cicciona. E questo era diventato il punto centrale degli attacchi. Le frasi mi entravano nel corpo come delle pugnalate“.

Poi i bulli della scuola non si fermavano lì. “Era soprattutto un mio compagno di classe che mi picchiava – continua la ragazza – rubava le mie cose, il diario, i quaderni, l’astuccio. Avevo paura di lui. Mi spingevano, finivo a terra e quando hai tanti chili di troppo non sei agile, non riesci a reagire. Tornavo a casa sempre con lividi nuovi. Non è affatto una ragazzata, questa situazione mi aveva portato a isolarmi, a stare sempre da sola, a diventare aggressiva perché non mi fidavo più di nessuno. Mi avevano rubato la curiosità, io che prima andavo così bene a scuola”.

Poi questo incubo orribile è continuato su Facebook: “Queste persone cattive avevano creato ben due profili falsi, impossessandosi della mia identità. Uno lo usavano per prendermi in giro con fotomontaggi e frasi velenose. Nell’altro, si spacciavano proprio per me. Questo è stato quello più grave, andavano in giro a dire ai miei pochi amici e conoscenti che avevo cose completamente false. Ho perso le poche persone che mi volevano bene. E ancora non c’era una legge chiara sul cyberbullismo”.

La svolta con la denuncia

Poi in terzo liceo Flavia ha denunciato. Una delle spinte più forti per lei è stata vedere che dopo l’inferno delle elementari e delle medie, riusciva a parlare a poco a poco con nuove persone. “Ho frequentato le psicologhe del centro di ascolto a scuola. E anche i miei genitori mi hanno creduto”, spiega.

La Polizia Postale ha ricostruito la sua storia ma mai nessuno è stato punito. “I bulli hanno avuto conseguenze solo a scuola – si indigna Flavia – con note e sospensioni. Forse è stata un’iniziativa utile per far risaltare l’argomento a livello nazionale, ho per esempio incontrato l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, che si è battuta molto per la sensibilizzazione contro il cyberbullismo. Il fatto che non siano stati puniti nel mio caso è stata una delusione. Adesso c’è una legge dalla parte delle vittime però: la 71 del 2017“.

Guardare in faccia i bulli

La giovane ventunenne vive a Dragoncello, un quartiere a sud della Capitale, vicino Ostia. È lì che vivono anche i suoi bulli, quelli che l’hanno malmenata per anni. Flavia li ha perdonati.

“Oggi, credo che anche loro siano delle vittime in qualche modo – dice la ragazza – Nelle scuole non si dovrebbero prendere così sottogamba i problemi interni, psichiatrici, dei ragazzi. Quelle persone non sapevano provare affetto, non sapevano come sfogare la loro rabbia. Nell’età adolescenziale bisognerebbe sfogarla nello sport, nell’imparare uno strumento, e non nel picchiare i compagni più deboli”.

Basta bulli!

“Io mi sono salvata, diciamo. Ma quante persone si ammazzano?“. Vengono i brividi a sentire Flavia. Perché è proprio così: basti pensare alle tragiche storie di Tiziana Cantone, 31enne suicida perché presa di mira sui social dopo la pubblicazione di un video hard, o di Carolina Picchio, giovanissima studentessa che si è uccisa per lo stesso senso di vergogna. “Per fortuna o per forza interiore, non lo so, io mi sono rialzata – sottolinea la studentessa – Uscire dall’ombra mi ha aiutato, sono anche dimagrita di quaranta chili”.

La vitalità di questa ragazza è incredibile. Camminando al sole di una fredda mattinata romana Flavia parla già di mille progetti futuri. “Quello che dico sempre è che raccontando agli altri cosa ti è successo, fai già un grande passo avanti. Anche solo quando lo dici ad un’altra persona, il peso delle difficoltà è diviso a metà. Figuriamoci quando ne parli con una classe, con un scuola”. La sua sfida? Basta bulli.

Leggi anche:

“Cosa prevedere la legge per il cyberbullismo”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"
Cronaca / Rt ancora in calo in Italia, lieve diminuzione di ricoveri e terapie intensive
Cronaca / È arrivato il numero 1 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 5.117 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 1,7%
Cronaca / Covid, Bassetti: “La pandemia potrebbe finire entro la prossima primavera”
Cronaca / Gimbe: "In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati"