Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Ma quale violenza, in radio mi limito a dare dello stron*o a qualcuno. I giornali leccano il culo a Draghi”

Immagine di copertina
Foto: Augusto Casasoli - A3/Contrasto

Nel nuovo numero del settimanale di TPI, The Post Internazionale, in edicola da venerdì 14 gennaio, l'intervista al conduttore de La Zanzara: "Sono inclassificabile. In radio mi limito a dare della testa di cazzo o dello stronzo a qualcuno.Non mi pento di nulla"

Il 23 dicembre scorso, mentre gli italiani si apprestavano a festeggiare il Natale tra un tampone e l’altro, andava in onda su Radio24 l’ultima puntata prima delle feste de La Zanzara, il programma che dal 2006 Giuseppe Cruciani pensa, scrive e conduce con la complicità in onda di David Parenzo. Cinque giorni dopo sarebbe caduto sulla trasmissione il meteorite della morte per Covid del signor Mauro Buratti da Mantova, sessantenne no vax, complottista, insultatore metodico, anima fragile e personaggio abituale del barnum crucianico. «Basta costruire mostri!», ha protestato chi ne La Zanzara vede una macchina fomentatrice di deliri. Intanto sull’altro fronte, quello dei fan dello zanzarismo, si invocava la libertà di espressione e sarcasmo. Una guerra (in)civile sui social e non soltanto. Ma ora torniamo alla puntata del 23 dicembre, quella ante polemiche e considerabile quindi come prodotto di routine. Uno spazio in bilico tra attualità e grottesco che, mentre le altre emittenti passavano per la milionesima volta Last Christmas degli Wham è decollato alle 18.30 per atterrare circa due ore dopo. All’interno, ospiti il diacono escatologo e anti vaccinazioni Renzo Ventrudo, la ruttatrice Caterina Branchini con il suo compagno altrettanto ruttante Andrea Carra, il segretario nazionale di Fascismo e libertà Carlo Gariglio cultore di nonno Adolf e una coppia scambista composta manzonianamente da tali Renzo e Lucia. Menu condito, grazie ai conduttori e altri innesti telefonici, da un’esondante sequenza di “cazzo”, “puttanate”, “coglioni”, leccaculo”, “testa di merda”, “stronzo”, “minchia di cane” e altri dirty-innesti usuali nella grammatica narrativa dello show. Sullo sfondo, come sempre accade dal lunedì al venerdì, granate di musica metallara. Dentro di me, invece, la gran voglia di chiedere a Giuseppe, anni 55, romano, una figlia, laurea in Scienze politiche con tesi su Sendero Luminoso, mente brillante e instancabile, lavoratore ansioso e perfezionista, autore del libro Nudi, il sesso degli italiani nonché vincitore nel 2013 del prestigioso Premiolino assieme al suo radio-socio, che senso abbia tutto questo. Quanto cioè, in un periodo già sgangherato, serva pigiare sempre e comunque il pedale degli eccessi, del grottesco e della violenza verbale.

Sinceramente, Giuseppe: non ti viene il dubbio di avere sbagliato qualcosa, di essere ormai una star-trash succube della smania di esagerare?

«Naturale che mi ponga delle domande, è doveroso, ma non mi chiedo cosa sia utile o inutile a chi segue La Zanzara. Mi chiedo invece cosa diverta il pubblico e che elementi possano contribuire ad allargare la platea. È questa la mia priorità».

Viviamo tempi feroci, però, anni di livida polarizzazione, giorni nei quali l’odio prevale sulla ragione. Non credi che La Zanzara, con le sue continue esasperazioni, sia complice e manipolatrice di pulsioni tanto pericolose?

«È una stronzata, oltre che una balla inaudita, credere che un programma radiofonico fatto di intrattenimento, informazione e opinioni possa contribuire ad esasperare gli animi. Piuttosto fotografa la realtà e la riproduce con momenti di rabbia, altri nei quali si ride, altri ancora dove raccontiamo come gli italiani si comportano a letto».

Per Wikipedia tu sei uno shock jock, ovvero «una personalità interna al mondo della comunicazione che unisce ai fatti di cronaca commenti offensivi e contenuti satirici». In pratica ti dà del sabotatore tagliente e volgare. Ti riconosci?

«Chi ha scritto questa nota non sa cosa cazzo sia, uno shok jock. È una figura tipica della radiofonia americana, oggi superata, che aveva come caratteristica principale quella di spararle grosse o di farle sparare grosse».

Appunto. Tu le spari grosse e le fai sparare grosse.

«Allora diciamo così: sono onorato di appartenere alla categoria degli shock jock, ma ciò non significa essere per forza volgare o violento. Io sono la persona più pacifica del mondo. Cito un motto sgarbiano che condivido: si può utilizzare il massimo della violenza verbale, ma mai la violenza fisica».

Pensare che la violenza delle parole non possa portare ad altre conseguenze è un po’ ingenuo.

«Dipende da cosa uno dice. In radio non ho mai incitato alla violenza. Mi limito a dare della testa di cazzo o dello stronzo a qualcuno».

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, preside vieta la merenda a scuola per i troppi contagi
Cronaca / Quirinale, l'annuncio di Rocco Siffredi: "Mi candido a presidente della Repubblica"
Cronaca / Covid, oggi 179.106 casi e 373 morti: tasso di positività al 16%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, preside vieta la merenda a scuola per i troppi contagi
Cronaca / Quirinale, l'annuncio di Rocco Siffredi: "Mi candido a presidente della Repubblica"
Cronaca / Covid, oggi 179.106 casi e 373 morti: tasso di positività al 16%
Cronaca / Con l’ultimo dpcm, senza Green pass non si potrà nemmeno ritirare la pensione alla posta
Cronaca / Leonardo ci riprova: far passare le armi come icona dello sviluppo sostenibile
Cronaca / Covid, Lancet punta il dito contro gli errori dell’Italia a Bergamo: “I lombardi hanno affrontato l’orrore”
Cronaca / Cassazione, su 295 vittime di omicidi volontari, 118 sono donne. “Sconcertante”
Cronaca / Covid, Ricciardi avverte: “Nuova ondata a ottobre, serviranno scelte impopolari”
Cronaca / Bollette, il governo valuta nuove misure per contrastare i rincari record: oggi cabina di regia e consiglio dei ministri
Cronaca / Covid, rallenta la crescita dell’Rt: da 1,54 passa a 1,31