Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Croce Rossa, 65 dipendenti licenziati. La denuncia a TPI: “Ci incateniamo e ci diamo fuoco”

Il deficit economico deriva dalla chiusura dei centri di accoglienza e dai mancati pagamenti da parte della PA

 

Croce Rossa, al via 65 licenziamenti su Roma

“Siamo disperati, siamo stati licenziati in tronco dopo tre mesi che non ci veniva pagato lo stipendio”. Questa la denuncia a TPI di Patrizia, una delle 65 persone licenziate dalla Croce Rossa di Roma. Dopo l’annuncio lanciato lo scorso maggio si è conclusa infatti la procedura per la quale 55 dipendenti addetti ai Centri di accoglienza per migranti e 10 organici della CRI perderanno il posto di lavoro.

L’accordo con i sindacati è fallito e i dipendenti, per denunciare le ingiustizie, si  sono incatenati davanti alla Regione.

“Licenziati quattro volte”

Patrizia è affranta, non ce la fa più. Delusa da un’azienda che non solo non ha voluto stabilizzarla, ma l’ha proprio lasciata a casa, racconta i suoi trascorsi: “Io e il mio collega Luigi siamo già stati licenziati quattro volte dal 2004, è allucinante”.

La Croce Rossa aveva avviato come previsto dalle norme di legge in materia un confronto con i Sindacati ma la trattativa non ha portato ad alcun accordo, nonostante la proposta dell’Associazione conciliativa di estendere il periodo di ripescaggio a 24 mesi contro i 6 previsti dalla normativa, una parziale riduzione degli esuberi e la formazione professionalizzante gratuita a tutto il personale in esubero.

“La conclusione della procedura – ha scritto Croce Rossa di Roma – è una via obbligata per l’associazione e, di conseguenza, oltre ai ritardi nel pagamento degli stipendi si aggiunge anche la formale conclusione del rapporto lavorativo”.

“Ci diamo fuoco se non otteniamo giustizia”

I lavoratori, non riuscendo ad ottenere niente attraverso  la trattativa, sono passati alle azioni di protesta. In piazza Oderico da Pordenone, davanti la sede della Giunta della Regione Lazio, Patrizia e Luigi il 17 luglio si sono incatenati minacciando di darsi fuoco.

I due operatori della Croce Rossa, tra quei 65 che da poco hanno perso il lavoro, si sono liberati nel corso della mattinata dopo la promessa di un colloquio con l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato Colombo.

“Mercoledì siamo stati denunciati per oltraggio a pubblico ufficiale, ma abbiamo intenzione di incatenarci di nuovo e andremo sotto la Regione muniti di benzina per darci fuoco. Non possono buttarci via così, non è giusto”, denuncia l’operatrice sanitaria.

Croce Rossa licenziamenti, “Potrebbero esserci delle conseguenze sul servizio”

Uno dei nodi del problema è la ristrutturazione del sistema di accoglienza “che ha portato per l’associazione, in definitiva, al termine di decine di rapporti lavorativi a tempo determinato e a collaborazione e, ora, al licenziamento di 65 persone a tempo indeterminato. Un capitale umano fatto di persone con professionalità specifiche che perde tanto l’Associazione, quanto tutta la comunità. Chi opera nel sociale non è mai stato così penalizzato”, si legge in una nota della Croce Rossa.

Ma per i lavoratori non è esattamente così: “Il servizio non sarà più lo stesso con 65 persone in meno. Quello che cercheranno di fare è puntare sui volontari, mentre tagliano sui lavoratori”, spiega Patrizia con la voce spezzata dalla rabbia.

Croce Rossa, 200 dipendenti senza stipendio da tre mesi. La denuncia a TPI: “Siamo disperati”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Cronaca / Lavoro h24: “Che il diritto salariale delle casalinghe sia fissato per legge”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Cronaca / Lavoro h24: “Che il diritto salariale delle casalinghe sia fissato per legge”
Cronaca / Neonata ricoverata per emorragia cerebrale: risultata positiva alla cocaina
Cronaca / Vaiolo delle scimmie: ecco tutto quello che c’è da sapere
Cronaca / Rogo a Stromboli, Ambra Angiolini: “Sono qui a dare una mano, non è stata una notte facile”
Cronaca / Violante Guidotti Bentivoglio e la leucemia: “Salva grazie al midollo di un ragazzo di 19 anni”
Cronaca / Bnl scarica i disabili: così la banca di Telethon si disfa di 200 lavoratori fragili
Cronaca / Caracciolo a TPI: “A Est guardano la storia, noi l’abbiamo dimenticata. Biden? Pensa alle elezioni”
Cronaca / La colf fa causa a Gianluca Vacchi: “Costretta a ballare a tempo per i suoi Tik Tok altrimenti si arrabbiava”