Covid ultime 24h
casi +20.884
deceduti +347
tamponi +358.884
terapie intensive +84

Covid, le ultime notizie di oggi. AstraZeneca già prevede ritardi nelle consegne delle dosi all’Ue. Il bollettino di oggi in Italia: 13.633 nuovi casi e 472 morti

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 22 Gen. 2021 alle 06:27 Aggiornato il 22 Gen. 2021 alle 22:43
7
Immagine di copertina

Covid, le ultime notizie di oggi (22 gennaio 2021) in Italia e nel mondo

COVID ULTIME NOTIZIE OGGI – La pandemia di Coronavirus ha causato oltre due milioni di vittime nel mondo, mentre l’Italia ha ormai sorpassato la soglia degli 80mila decessi e la Francia è alla prese con un’impennata di contagi. Prosegue intanto la campagna di vaccinazione, ormai entrata nel vivo nel nostro Paese. Di seguito tutte le ultime notizie sul Covid 19 in Italia e nel mondo di oggi, venerdì 22 gennaio 2021, aggiornate in tempo reale:

LA DIRETTA – COVID ULTIME NOTIZIE

Ore 22,30 – Astrazeneca già prevede ritardi nelle consegne delle dosi all’Unione Europea – Le consegne iniziali del vaccino AstraZeneca all’Ue saranno inferiori agli obiettivi prestabiliti a causa di un problema tecnico della produzione. Lo ha reso noto un portavoce dell’azienda farmaceutica in una nota, secondo quanto riporta il Guardian. “I volumi iniziali saranno inferiori a quanto originariamente previsto a causa della riduzione dei rendimenti in un sito di produzione all’interno della nostra catena di fornitura europea”, ha detto il portavoce. “Forniremo decine di milioni di dosi a febbraio e marzo all’Unione europea, nel frattempo continueremo ad aumentare i volumi di produzione”, ha aggiunto.

Ore 21,45 – Boris Johnson: “La variante inglese è più mortale” – “La cosiddetta variante inglese del Covid-19 non solo è più contagiosa del ceppo originario, ma stando agli ultimi dati elaborati dagli esperti potrebbe essere anche più mortale”. Lo ha detto il premier britannico Boris Johnson, durante l’aggiornamento giornaliero sull’andamento della pandemia. La nuova variante è stata rilevata per la prima volta nel Kent a settembre. Da allora è diventata la versione dominante del virus in Inghilterra e Irlanda del Nord.

Ore 21,30 – Biden firma aiuti per gli americani colpiti dal Covid – Tanti americani soffrono, dobbiamo agire ora. È un’emergenza nazionale e dobbiamo trattarla come tale”: con queste parole, seduto alla scrivania dello Studio Ovale alla Casa Bianca, affiancato dalla vicepresidente, Kamala Harris, il presidente Usa, Joe Biden, ha firmato due ordini esecutivi per dare aiuti economici immediati agli americani messi in ginocchio dalla pandemia da Covid. “Non possiamo, non vogliamo, lasciare che le persone soffrano la fame. Non possiamo permettere che le persone vengano sfrattate per qualcosa di cui non sono responsabili. Non possiamo guardare le persone perdere il lavoro e restare immobili. Dobbiamo agire ora. Non è solo un obbligo morale il trattare i nostri concittadini americani con la dignità e il rispetto che meritano”. “Dobbiamo agire con decisione e audacia per far crescere l’economia per tutti gli americani. Non solo per domani, ma per il futuro”.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Ore 17.50 – Il bollettino di oggi della Protezione Civile – Secondo il bollettino di oggi, venerdì 22 gennaio, sul Coronavirus in Italia pubblicato dal Ministero della Salute e dalla Protezione Civile, sono 13.633 i nuovi casi, contro i 14.078 di ieri, e 472 i morti (ieri erano stati 521), a fronte di 264.728 tamponi totali effettuati (ieri erano stati 267.567). Il tasso di positività scende leggermente da 5,3% a 5,1%. Qui il bollettino completo

Ore 15.10 – Lombardia: “Rt sbagliato, chiediamo zona arancione” – Dopo il ricorso contro la decisione del ministero della Salute di collocare la Lombardia in zona rossa, la Regione guidata da Attilio Fontana torna a chiedere la zona arancione, stavolta sulla base di un ricalcolo dell’Rt che la farebbe rientrare nella fascia di rischio più bassa.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera,  i tecnici della Regione “dovrebbero trasmettere al ministero della Salute i nuovi dati ammettendo di aver sbagliato il calcolo dell’Rt nell’ultimo monitoraggio e sollecitando una nuova valutazione della cabina di regia“. In tal caso il ministro della Salute Roberto Speranza, dopo il nuovo parere, “potrebbe firmare l’ordinanza che cambia la fascia e la Regione potrebbe tornare in arancione già domenica“. Leggi la notizia completa

Ore 14.10 – Monitoraggio Iss: “Rt sceso sotto l’1″ – Dopo cinque settimane consecutive di aumento di valore, l’indice di contagio Rt è sceso sotto l’1, e cioè la soglia considerata a rischio. Lo riporta il consueto monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss). Il calo (rispetto all’1,09 di venerdì scorso) è probabilmente dovuto all’effetto delle chiusure del periodo natalizio, quando l’Italia è stata quasi sempre zona rossa, con pochi giorni arancioni. In base al monitoraggio regionale, inoltre, l’Iss ha confermato i colori di alcune Regioni: Lombardia, Sicilia e Provincia di Bolzano resteranno in zona rossa, Toscana e Provincia di Trento in quella gialla.

Ore 13.15 – Hong Kong entra in lockdown per la prima volta – Le autorità di Hong Kong hanno imposto il primo lockdown per decine di migliaia di cittadini per contenere un peggioramento della pandemia di coronavirus nel distretto di Yau Tsim Mong, un distretto densamente popolato dove si è registrata circa la metà dei casi giornalieri dell’ultima settimana. La misura dovrebbe entrare in vigore nel fine settimana. Hong Kong, che fino ad ora era sempre riuscita a tenere sotto controllo la pandemia con chiusure mirate e un efficace sistema di tracciamento,  non è poruta fuggire dalla seconda ondata dell’epidemia. Secondo i media locali il lockdown dovrebbe restare in vigore per almeno due settimane: il mancato rispetto delle norme sarà punito con sanzioni

Ore 11.00 – Vaccino, aggiornamento: in Italia 1.293.941 somministrazioni – Sono 1.293.941 le dosi di vaccino contro il Covid finora somministrate in Italia, l’83% del totale delle dosi disponibili (pari a 1.558.635) al momento. La somministrazione ha riguardato finora 814.678 donne e 479.263 uomini. Il dato è aggiornato alle 08:03 di oggi nel report online del commissario straordinario per l’emergenza sanitaria. Le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose, e quindi pienamente vaccinate, sono ora 29.742. Nel dettaglio, le dosi sono state somministrate a 783.640 operatori sanitari, 391.002 unita’ di personale non sanitario, 108.542 ospiti di strutture residenziali e 10.757 over 80. Nella sezione ‘Distribuzione vaccini per fornitore’ si precisa che il totale dei vaccini distribuiti comprende 1.511.835 di Pfizer/BioNTech e 46.800 di Moderna.

Ore 10.00 – In Slovenia da sabato si potrà sciare, ma solo col tampone negativo – Il governo sloveno ha annunciato che a partire sabato prossimo le stazioni sciistiche di nove delle dodici regioni del Paese potranno riaprire. In particolare saranno rimessi in funzione gli impianti di risalita e le cabine di trasporto, ma solo per gli sciatori che presenteranno un tampone negativo effettuato nelle 24 ore precedenti.

Il ministro delle infrastrutture Jernej Vrtovec, in una conferenza stampa a Lubiana, ha spiegato che la decisione è stata presa seguendo i dati della curva epidemica registrati negli ultimi giorni e che i test “rimangono un elemento necessario per mantenere questa tendenza”.

Ore 09.15 – Tar Campania: sì a rientro a scuola per superiori – Il Tar della Campania ha accolto il ricorso presentato da alcuni genitori contro l’ ordinanza della Regione ed ha deciso (con un provvedimento cautelare) che le scuole superiori dovranno aprire con “modalità integrata”. La Regione Campania, hanno osservato i giudici amministrativi nel provvedimento d’urgenza (il giudizio di merito e’ fissato il 16 febbraio) dovrà “conformarsi a quanto prescritto nel citato Dpcm per le scuole secondarie superiori, previa ricognizione degli atti attuativi e proattivi necessari a rendere effettiva la didattica in presenza nei limiti quantitativi, minimi e massimi, prescritti”.

Ore 08.30 – Zampa: con ok Ema prenderemo anche Sputnik – “Se l’Ema dice che va bene, assolutamente sì, perché non dovremmo?”. Cosi’ la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, a Radio anch’io, a proposito della possibilità di utilizzare anche il vaccino russo Sputnik.

Ore 08.15 – Test di massa per 2 milioni di persone – Il centro di Pechino è coinvolto in un ciclo di test di massa anti Covid-19 per un totale di quasi 2 milioni di persone. Il distretto di Dongcheng ha organizzato un programma per controllare tutti i suoi 790.000 residenti tra oggi e domani. Quello vicino di Xicheng, che conta circa 1,14 milioni di abitanti, si è organizzato per completare un piano simile nello stesso periodo di tempo, allo scopo di contrastare i rischi dei casi importati di coronavirus. Lo stesso distretto, secondo i media locali, aveva in precedenza condotto quattro round di test sulla popolazione considerata più ad alto rischio.

Ore 07.00 – Impennate di contagi in Francia: si teme una nuova variante – Un’impennata di contagi è stata registrata in queste ore in Francia nell’ospedale di Compiègne, alle porte di Parigi. Sono stati contagiati 170 pazienti e circa 70 tra medici e infermieri. Anche in altri ospedali dell’Est e del Sud Ovest della Francia sono stati riscontrati focolai analoghi. I test effettuati hanno escluso che si tratti della variante inglese. C’è quindi il fondato timore che queste impennate siano legate a una nuova e più contagiosa variante del Covid che si starebbe diffondendo proprio in Francia.

Covid ultime notizie in Italia e nel mondo: cosa è successo ieri

Impennata di contagi in Francia: si sospetta nuova variante – Negli ultimi giorni la Francia ha registrato “fiammate” locali di contagi che esplodono in modo esponenziale in alcune zone del Paese, corroborando l’ipotesi di una nuova variante sconosciuta del Covid-19, più contagiosa di quelle osservate finora nel Paese.

Nell’ospedale di Compiègne, a Nord di Parigi, sono stati 160 i pazienti contagiati ma la cosiddetta variante britannica è stata esclusa dalle analisi. Anche nel Sud-Ovest, nel centro e nell’Est del Paese diversi ospedali hanno registrato una media di contagi molto più alta di quella nazionale. La direttrice dell’ospedale parigino ha detto a radio Europe 1 che “la variante inglese non è stata individuata” nelle analisi dei contagiati e di aver chiesto “nuove analisi per verificare la presenza di varianti non ancora identificate”.

Covid ultime notizie – Il bollettino di ieri della Protezione Civile – Ieri, mercoledì 20 gennaio, secondo il bollettino sul Coronavirus in Italia pubblicato dal Ministero della Salute e dalla Protezione Civile, sono stati registrati 14.078 nuovi casi, contro i 13.571 del giorno precedente e 521 morti, a fronte di 267.567 tamponi totali effettuati (il giorno precedente erano stati 279.762 ). Qui tutti i dati. 

Ue, prossima settimana Pfizer consegnerà 100% dosi previste – “Questa settimana ci sono stati ritardi sulla consegna delle dosi di vaccini” Pfizer, “per tutti gli Stati membri, ma saranno assorbiti entro meta’ febbraio. Dalla prossima settimana le consegne torneranno al 100% delle dosi previste settimanalmente”. Lo ha annunciato un portavoce della Commissione europea sulla base di quanto reso noto dall’azienda produttrice. Il tema dell’accelerazione sulla consegna dei vaccini sarà uno dei temi di discussione alla videoconferenza dei leader dei 27 di oggi.

Vaccini, da Ungheria ok a Sputnik V e AstraZeneca, prima in Ue – L’Istituto nazionale ungherese di farmacologia e nutrizione ha dato l’autorizzazione preliminare all’uso d’emergenza del vaccino Sputnik V, prodotto dalla Russia, e al farmaco sviluppato da Oxford/AstraZeneca. Lo ha annunciato il capo di gabinetto del premier Viktor Orban, aggiungendo che il ministro degli Esteri Peter Szijjarto è diretto a Mosca nel pomeriggio per colloqui sul tema del Coronavirus con le autorità russe.

Covid ultime notizie – Cina: 144 nuovi contagi, inoculate 15 mln dosi vaccino – La Cina ha registrato 144 nuovi casi Covid-19, 126 dei quali sviluppati localmente, per il nono giorno consecutivo sopra quota cento e ai valori più alti dal marzo scorso. Oltre la metà dei contagi interni si sono verificati nell’estremo nord-est dello Heilongjiang (68) mentre in un’altra provincia nord-orientale, il Jilin, si contano 33 nuovi casi confermati, e altri venti, invece, si sono verificati nella provincia dello Hebei, che confina con la capitale, Pechino.

Fondazione Gimbe: “Riduzione dei nuovi casi per effetto del decreto Natale” – Secondo l’ultimo report dell’istituto, sono calati i nuovi casi di positività e dei recoveri nel periodo tra il 13 e il 19 gennaio. Il presidente Nino Cartabellotta, sui vaccini, spiega: “La campagna non è una gara di velocità.

Covid ultime notizie – Allarme dell’Oms: variante inglese in 60 Paesi – L’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) lancia l’allarme sulla variante inglese del Covid, evidenziando nel suo bollettino settimanale come la variante stessa sia stata rilevata in almeno 60 Paesi. Tra questi ci sono Brasile, Stati Uniti, Russia, Spagna, India e molti altri.

Leggi anche: 1. L’appello degli studenti: “Scioperiamo per chiedere chiarezza su lezioni in aula e maturità”; // 2. Dopo Gallera arriva la Moratti: “Distribuite i vaccini in base al Pil” (di L. Zacchetti); // 3. Sara Cunial fa propaganda No Vax alla Camera per attaccare Conte. E la Lega la applaude (di Giulio Cavalli); // 4. Germania, sette infermieri che hanno rifiutato il vaccino sono stati licenziati; // 5. Tragedia a Venezia: un’intera famiglia uccisa dal Covid in poco meno di 20 giorni

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

7
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.