Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, quarantena ridotta per chi ha fatto la terza dose: il governo chiede il parere del Cts

Immagine di copertina
Persone in fila davanti ad una farmacia per effettuare un tampone antigienico, Torino. Credit: ANSA/TINO ROMANO

Covid, quarantena ridotta per chi ha fatto la terza dose: governo chiede il parere del Cts

Il governo ha chiesto al Comitato tecnico scientifico (Cts) del ministero della Salute un parere sull’ipotesi di ridurre la quarantena per i contatti stretti che abbiano già ricevuto la terza dose del vaccino anti-Covid. Lo riporta l’Ansa, citando fonti informate della richiesta.

La proposta prevede la riduzione della quarantena per chi ha ricevuto la terza dose, dai sette giorni attuali a una durata compresa tra tre e cinque giorni. La decisione potrebbe arrivare già la prossima settimana, entro la fine delle festività.

“Adesso le quarantene sono diverse per i vaccinati e i non vaccinati, si sta studiando cosa mettere in campo”, ha detto oggi il generale Francesco Paolo Figliuolo. “La riflessione sul numero di persone in quarantena l’abbiamo fatta questa mattina col ministro Speranza”, ha detto il commissario straordinario per l’emergenza Covid, dopo le preoccupazioni espresse da alcuni esperti sull’aumento delle persone attualmente in quarantena, parallelamente alla crescita dei casi dovuta alla nuova variante omicron. Secondo il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, con un milione di positivi (circa il doppio delle persone attualmente positive) le persone in quarantena potrebbero arrivare a 5-10 milioni.

“E’ necessaria una revisione delle regole della quarantena ma non è questo il momento. Credo che sia auspicabile ma probabilmente tra 10 o 15 giorni da oggi”, ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri oggi a Sky Tg24, affermando che omicron potrebbe già aver superato la soglia del 50 percento dei casi ed essere diventata la variante dominante. “Non appena avremo dati più conclusivi su omicron, anche le regole sulla quarantena dei bambini, degli alunni, degli studenti si potranno rivedere”, ha detto Sileri, prevedendo che le nuove regole saranno annunciate “probabilmente prima della riapertura della scuola”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Firenze, 20enne muore dopo essere caduto dal tetto della sua ex scuola
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Firenze, 20enne muore dopo essere caduto dal tetto della sua ex scuola
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Cronaca / Green pass, da febbraio nuova scadenza: il governo valuta la proroga per chi ha fatto la terza dose
Cronaca / Quirinale, nel centrosinistra si fa largo il nome di Riccardi. Ipotesi scheda bianca al primo voto
Cronaca / Covid, oggi 138.860 casi e 227 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Intimidazione al pm che indaga sulla Fondazione Open: misterioso raid sulla sua auto
Cronaca / Strage nel bresciano: scontro tra auto e bus, morti 5 ragazzi
Cronaca / Oms: “La pandemia non finirà con Omicron”
Cronaca / Papa Francesco: "Dolore per i migranti morti in mare"