Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, Gimbe: “Calo dei casi fino a metà maggio, poi inevitabile una nuova crescita dei contagi”

Immagine di copertina

Covid, Gimbe: “Meno casi fino a metà maggio, poi inevitabile crescita contagi”

Gli effetti delle misure restrittive di aprile si vedranno fino a metà maggio con un calo dei casi, poi vi sarà una inevitabile crescita dei contagi: è la previsione della Fondazione Gimbe alla luce delle prossime riaperture previste per il 26 aprile prossimo con la reintroduzione della zona gialla.

Secondo la Fondazione, infatti, gli effetti delle zone rosse e arancioni si protrarranno sino alla metà di maggio con il risultato che sia i nuovi casi che la pressione ospedaliera si ridurranno nelle prossime settimane.

Il ritorno al giallo e le riaperture delle attività, però, determineranno “inevitabilmente” una ripresa della curva epidemica “da un lato mitigata dalla ridotta probabilità di contagio all’aperto per l’aumento delle temperature che riduce l’effetto aerosol, dall’altro alimentata dall’aumento dei contatti sociali e, soprattutto, dal mancato rispetto delle regole”.

Secondo Gimbe, comunque, al momento non è possibile ridurre l’incidenza settimanale dei nuovi casi al di sotto di 50 casi per 100.000 abitanti, soglia considerata massima per poter riprendere un tracciamento efficace.

“Sul fronte vaccinazioni è realistico mettere in sicurezza over 70 e fragili entro l’inizio dell’estate. Questo avrà un impatto rilevante su ospedalizzazioni e decessi, ma non sulla circolazione del virus che richiede di mantenere tutte le misure individuali, come ribadito dal Presidente Draghi” ha dichiarato all’Ansa Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe.

Secondo Cartabellotta le riaperture sono una “decisione politica sul filo del rasoio, ma inevitabile. Serve la massima collaborazione dei cittadini per non compromettere la stagione estiva”. Insomma bisogna evitare il “liberi tutti” per evitare una nuova impennata dei casi.

Leggi anche: 1. Covid, Galli contro Draghi: “Sul Covid il premier non ne ha azzeccata ancora una” / 2. Covid, Crisanti contro le zone gialle e le riaperture: “Tra un mese avremo un aumento dei contagi e l’estate sarà a rischio” / 3. Covid, Rezza: “Riaprire è rischioso, ma siamo pronti ad intervenire. Le prossime settimane saranno decisive”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Io, malata di Sla assistita per anni da Martina Ciontoli, vi racconto chi è davvero la ragazza che avete odiato”
Cronaca / Migranti, a Lampedusa 2mila arrivi in 24 ore. Salvini preme su Draghi: “Porti chiusi”
Cronaca / Abrignani (Cts): “A giugno in Italia avremo circa 10 morti al giorno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Io, malata di Sla assistita per anni da Martina Ciontoli, vi racconto chi è davvero la ragazza che avete odiato”
Cronaca / Migranti, a Lampedusa 2mila arrivi in 24 ore. Salvini preme su Draghi: “Porti chiusi”
Cronaca / Abrignani (Cts): “A giugno in Italia avremo circa 10 morti al giorno”
Cronaca / Coprifuoco a mezzanotte? L’alt di Speranza: chiede di posticipare al 24 maggio
Cronaca / Salernitana in serie A, muore 28enne durante i festeggiamenti
Cronaca / Usa, via libera al vaccino tra i 12 e i 15 anni
Cronaca / Somministrate 24.3 milioni di dosi
Cronaca / Latina, due giovani di 17 e 20 anni massacrano di botte un passante per “sfogarsi”
Cronaca / Ventimiglia, migrante aggredito in strada con spranghe e bastoni | VIDEO
Cronaca / Resse e assembramenti per le scarpe della Lidl: supermercato di Milano preso d’assalto