Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, D’Amato: “Il governo deve introdurre l’obbligo vaccinale”

Immagine di copertina
Credit: Ansa photo

Alessio D’Amato, assessore alla sanità della Regione Lazio, intervistato dal Messaggero afferma che il governo dovrebbe introdurre l’obbligo vaccinale su tutto il territorio nazionale. Fa l’esempio del Lazio: “Ci sono ancora 400mila persone non vaccinate. Potranno sembrare poche rispetto a una popolazione di quasi sei milioni, ma in termini assoluti è un numero altissimo che mette a rischio gli altri abitanti”. Specifica anche che sono circa 2mila le prime dosi iniettate al giorno: “e non è poco. Ma abbiamo fatto di tutto per convincerli e ormai l’unico modo per sradicare questo zoccolo duro è l’obbligo vaccinale”.

Riguardo alla misura che sta valutando il governo, e cioè del tampone per i vaccinati per andare al cinema, al teatro o ad altri eventi, D’Amato pensa si stia mandando un messaggio sbagliato: “Si rischia di sostenere che la copertura della vaccinazione sia poco efficace e che questo farmaco non sia l’arma principale contro il Covid” e specifica che la dose booster aumenta le difese contro le varianti. La barriera più efficace contro Omicron sarebbe, quindi, la dose di richiamo. E per recuperare il tempo perduto l’assessore dice che non rimane altra strada che l’obbligo vaccinale: “Se fossimo partiti un mese prima con il booster, ora avremmo raddoppiato la platea degli immunizzati”. Anche perché i tamponi non sono uno strumento attendibile per arginare il virus: “Capita che il giorno nel quale ti sottoponi risulti negativo, ma magari stai già incubando la malattia”, dice d’Amato.

Sul rischio del ritorno dell’Italia in zona arancione – come ha sostenuto il professor Guido Rasi – l’assessore alla sanità dice al Messaggero che bisogna che le valutazioni siano fatte settimanalmente, come accaduto finora, “e condivise nella cabina di regia tra governo e Regioni”. La vera questione, però, per D’Amato rimane la vaccinazione e quindi l’obbligo di questa.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”