Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Cospe: al via la campagna #unasolasquadra per i diritti delle donne afghane

Immagine di copertina

Il popolo afghano è sottoposto da anni a sofferenze inimmaginabili, ma le donne sono sempre state le più esposte a violenze fisiche e psicologiche. Con il ritorno al potere dei Talebani, le donne afghane sono fortemente minacciate e vedono giorno dopo giorno, calpestate tutte le libertà faticosamente conquistate negli ultimi 20 anni. COSPE – dal 2008 impegnato in Afghanistan al fianco della popolazione civile – lancia la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #Unasolasquadra, per garantire a tutte le donne afghane protezione dalle violenze, tutela delle libertà fondamentali, rispetto dei loro diritti umani e civili.

Per supportare le donne afghane, dal 24 gennaio al 13 febbraio, tutti possono sostenere la campagna di COSPE con una chiamata da rete fissa o inviando un sms al 45583.

Se lo sport insegna a compiere sacrifici, a rialzarsi dopo una caduta, lo sport insegna, soprattutto, ad aiutare i compagni sul campo. Lo sanno bene le giovani calciatrici di Herat che COSPE ha messo in salvo in Italia dopo il ritiro delle truppe occidentali dal paese e il ritorno del regime talebano. Con la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #Una sola squadra, COSPE racconta la loro storia – e quella di altre sportive come di avvocate, insegnanti, attiviste per i diritti umani che stanno vivendo un momento drammatico in Afghanistan, dove si sta giocando una partita fondamentale per i loro diritti – e invita tutti ad attivarsi con una donazione – dal 24 gennaio al 13 febbraio, chiamando da rete fissa o inviando un sms solidale al numero 45583 – per supportare progetti e iniziative in loro difesa.

La campagna “#Unasolasquadra” ha, dal 24 al 30 gennaio, il supporto informativo di Rai per il Sociale attraverso i canali Rai.
cospe

L’IMPEGNO DI COSPE IN AFGHANISTAN

COSPE è una ONG internazionale impegnata dal 2008 in Afghanistan nell’aiuto alle donne, alle ragazze e alle bambine, alle persone LGBTI+, agli attivisti per i Diritti Umani (giornalisti, avvocati, insegnanti, studenti).

Due i programmi portati avanti a fianco della popolazione afghana. Uno è il progetto “Vite preziose”, che ha creato due centri di assistenza legale e socio-psicologica a Kabul e Herat per donne e ragazze vittime di violenza e ha rafforzato le iniziative della “casa protetta” di Kabul, che ha ospitato più di 100 bambine e giovani donne e che ancora oggi funge da rifugio per chi è minacciato dai talebani. Nel secondo programma COSPE ha lavorato con i difensori dei diritti umani in 34 province del Paese attraverso una campagna di advocacy per chiedere al governo afghano la realizzazione dell’uguaglianza di genere: dall’accesso all’educazione al miglioramento della partecipazione politica con la reintroduzione della quota rosa, per la percentuale del 25% dei seggi in Parlamento e nei distretti.

Nell’agosto 2021, con la presa del potere da parte dei Talebani e il rapido ritiro delle truppe occidentali dal Paese, COSPE si è attivata immediatamente, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Difesa, per organizzare l’evacuazione delle donne e attiviste minacciate e delle loro famiglie, e ha portato in salvo decine di persone, tra cui le giocatrici della squadra femminile di calcio di Herat (in allegato una scheda di approfondimento sulla loro storia).

Moltissime sono state infatti le rappresaglie dei Talebani contro giovani donne che praticavano sport: Mahjubin Hakimi, una giocatrice della nazionale giovanile afghana di pallavolo, è stata uccisa a Kabul già ad agosto, mentre altre giocatrici e alcune cicliste sono state sostenute nella loro fuga sempre dalla rete attivata da COSPE.

LA CAMPAGNA #UNA SOLA SQUADRA

Per continuare a sostenere le attività in Afghanistan, COSPE lancia la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #Unasolasquadra per restituire diritti e dignità alle donne afghane e per vincere insieme la partita più importante, quella contro le discriminazioni, la violenza e le ingiustizie. Alla campagna aderisce anche Assocalciatori.

Tutti possono dare il proprio contributo per la tutela e i diritti delle ragazze afghane: per sostenere la campagna #Una sola squadra sarà possibile donare al numero solidale 45583 per il periodo 24 gennaio – 13 febbraio 2022.  Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari WINDTRE, TIM, Vodafone, Iliad, PosteMobile, Coop Voce, Tiscali. Sarà di 5 o 10 euro per le chiamate da rete fissa TIM, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali e, sempre per la rete fissa, di 5 euro da TWT, Convergenze, PosteMobile.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”
Cronaca / Covid, 26.561 casi e 89 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'11,4%
Cronaca / La mamma del bimbo morto nell’incidente all’asilo: “Un dolore sovrumano, chiediamo silenzio”