Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

Coronavirus, il video dell’infermiere che si cambia sulle note di Vasco: “Voglio trovare un senso”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 4 Apr. 2020 alle 18:34 Aggiornato il 4 Apr. 2020 alle 23:32
609

Coronavirus, il video dell’infermiere sulle note di Vasco

“Dedicato a tutti i colleghi che stanno per iniziare, a tutti quelli che stanno per finire, a chi si sta bardando tra mille pensieri a chi si sta togliendo quella mascherina maledetta …. e come dice il Blasco domani arriverà lo stesso anche se questa notte un senso non ce l’ha”, scrive Mirko Lagotto, infermiere di Torino, sulla sua pagina Facebook, dove condivide un commovente filmato in cui si prepara ad entrare nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Rivoli, in provincia di Torino.

Nel video, Mirko si riprende mentre indossa i dispositivi di protezione sulle note di Vasco e della sua nota canzone: “Un senso”. Gli operatori sanitari sono considerati tra gli eroi dell’epidemia da Coronavirus in Italia, per i turni asfissianti da 12 o 13 ore a cui sono sottoposti, alle prese con una malattia che mette a dura prova il sistema sanitario: i ricoveri possono durare settimane e i nuovi casi si accumulano ai vecchi senza che ci sia abbastanza ricambio. Per molti degli operatori “in prima linea” a combattere l’emergenza, inoltre, mancano le protezioni necessarie ad affrontare l’emergenza in serenità, senza cioè essere esposti al rischio di contagio.

Secondo i dati rilasciati dalla Regione il 2 aprile scorso, il 13 per cento degli operatori sottoposti a tampone sono risultati positivi in Piemonte. Complessivamente, sono 55mila i dipendenti della Sanità regionale (tra cui 34.800 operatori sanitari) per i quali l’Unità di crisi della Regione Piemonte ha chiesto il tampone.

Leggi anche:

1. Coronavirus in Italia. Il bollettino: superati i 15mila morti, ma calano i pazienti in terapia intensiva. Arcuri: “Non stiamo vincendo, presto per pensare ai calendari” 2. “Al Policlinico di Bari mancano le tute, quelle arrivate dalla Protezione Civile non sono certificate: il personale ha paura di lavorare”. La denuncia a TPI

3. Coronavirus, cos’è successo a febbraio in quella clinica di Piacenza? La vera storia di un boom di contagi (di S.Lucarelli) / 4 .ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

609
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.