Coronavirus: turisti cinesi insultati a Firenze: “Andate a tossire a casa vostra” | VIDEO

Non è chiaro se si tratti di uno scherzo di cattivo gusto o di un episodio di razzismo

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 30 Gen. 2020 alle 20:20
12k

Coronavirus: turisti cinesi insultati sul Lungarno a Firenze | VIDEO

È diventato virale sui social un video in cui si vedono alcuni turisti cinesi mentre vengono insultati a Firenze, a causa del coronavirus.

Nel filmato si sente un fiorentino che insulta un gruppo di cinesi, i quali passeggiano sul Lungarno: “Andate a tossire a casa vostra” esclama l’autore del video, che poi rivolge una serie di parole irripetibili nei confronti degli asiatici.

Non è ancora chiaro se si tratta di uno scherzo di cattivo gusto o di un episodio di razzismo in piena regola.

Certo è che episodi di intolleranza nei confronti di cittadini cinesi si sono già verificati nel nostro Paese nei giorni precedenti.

Lo scorso 27 gennaio, infatti, un ragazzino cinese aveva denunciato su Facebook un aggressione a sfondo razzista su un campo di calcio. “Spero che ti venga il virus come ci sono nei mercati in Cina” è stato l’insulto che un giocatore avversario ha rivolto nei confronti dell’asiatico.

Qualche giorno prima, invece, una coppia di turisti cinesi era stata aggredita con sputi e insultata a Venezia da una baby gang.

Leggi anche:

Coronavirus: l’Italia è il 19esimo Paese che rischia maggiormente il contagio a causa degli arrivi aerei

Coronavirus: 170 morti, 1.700 nuovi contagi. Italiani rientrano con volo speciale da Wuhan

Coronavirus: tutto quello che c’è da sapere sul virus cinese ed evitare la psicosi

Coronavirus, l’esperto che svelò la verità sulla SARS: “Entro 10 giorni l’apice dell’epidemia”

Coronavirus | Esclusivo TPI, video dalla Cina: mascherine usate vendute clandestinamente

Alcuni scienziati avevano simulato l’arrivo di un coronavirus e 65 milioni di morti in 18 mesi

Coronavirus: un laboratorio del governo cinese potrebbe aver diffuso il virus

12k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.