Coronavirus:
positivi 56.594
deceduti 32.785
guariti 140.479

Corona diffidato per aver ricevuto in casa il personal trainer, nonostante la quarantena (e gli arresti domiciliari)

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 4 Apr. 2020 alle 14:53 Aggiornato il 4 Apr. 2020 alle 15:14
80
Immagine di copertina

Coronavirus diffidato per aver ospitato il suo personal trainer

Il Tribunale di sorveglianza di Milano ha emanato una diffida nei confronti dell’imprenditore Fabrizio Corona, che nei giorni scorsi avrebbe ricevuto più volte nella sua abitazione, dove sta scontando gli arresti domiciliari, il suo personal trainer, violando le regole relative all’emergenza Coronavirus. “Nei giorni scorsi – si legge  nella nota diffusa dalla Questura sabato 4 aprile – è stato accertato che lo stesso, nonostante fosse sottoposto alla detenzione domiciliare, ha più volte ricevuto il suo personal trainer”.

Per Corona è scattata una diffida “con cui gli viene intimato il rispetto delle regole sul distanziamento sociale previste dagli ultimi provvedimenti governativi per contenere l’emergenza sanitaria in corso” e “il rispetto di tutte le regole attinenti alla sua detenzione domiciliare”. I giudici insomma ricordato all’ex re dei paparazzi che al momento gli è vietato ricevere visite non solo perché si trova agli arresti domiciliari, ma anche per le misure straordinarie in vigore in tutto il Paese per il contenimento dell’epidemia di Coronavirus, che è tenuto a rispettare.

Il personal trainer, dal canto suo, si è beccato una multa. “È stato rintracciato nei pressi dell’abitazione di Corona e, per questo, multato per aver violato il divieto di spostamenti in assenza di comprovate necessità”, fanno sapere dal tribunale, e aggiungono che, qualora Corona dovesse continuare a violare i divieti legati all’epidemia di Coronavirus, dovrà aspettarsi conseguenze ben più gravi di una diffida.

Dopo gli allenamenti a casa col suo personal trainer, Fabrizio Corona ha anche festeggiato il compleanno in casa con amici e parenti, sempre in barba a ogni misura di contenimento e sempre a Milano, il cuore del focolaio di contagio. Oltre alla ex moglie Nina Moric e al figlio Carlos Maria, alla festa erano presenti anche altri amici e conoscenti, come testimoniavano le storie Instagram dello stesso Corona, di Moric e degli invitati, con tanto di tag allo sponsor (uno spumante).

Leggi anche:

80
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.