Coronavirus, topi affamati per il lockdown diventano cannibali

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 20 Apr. 2020 alle 15:26
762
Immagine di copertina
Credit: Pixabay

I ratti senza cibo per il lockdown diventano cannibali

Le conseguenze della diffusione del Coronavirus riguardano anche i topi e il loro reperimento di cibo. Il lockdown imposto dalla pandemia avrebbe infatti ridotto la presenza di cibo per i roditori e questa carenza alimentare avrebbe reso gli animali più affamati. Secondo gli esperti questa mancanza di cibo avrebbe trasformato i ratti in cannibali. E questo cannibalismo potrebbe portare a una razza più intelligente e aggressiva in futuro.

I ratti hanno perso l’accesso diretto al cibo dei ristoranti, e ora stanno cercando cibo altrove. E’ la spiegazione fornita a Insider dal ricercatore in scienze biologiche alla Fordham University, Michael H. Parsons, che sta pianificando di lanciare uno studio su topi e Coronavirus. Lo studioso ha spiegato che i ratti si sono riprodotti rapidamente, con un periodo di gravidanza di 23 giorni, e che i i topi più intelligenti e aggressivi tra questi potrebbero dare vita a una razza più resistente che cercherebbe il cibo con ogni mezzo necessario. “C’è un gruppo più intelligente e persino più resistente della popolazione che non è stato precedentemente collegato agli umani, o almeno non osservato direttamente dagli umani”, ha dichiarato Parsons.

“Un ristorante chiude all’improvviso, cosa che è accaduta a migliaia non solo a New York City ma da un lato all’altro degli Stati Uniti e in tutto il mondo, e per quei topi che vivevano in quel ristorante, in qualche posto vicino, e forse per generazioni intere di topi che per decenni dipendevano dal cibo di quel ristorante – beh, la vita non funziona più così e hanno solo un paio di alternative”, ha aggiunto Bobby Corrigan, un rodentologo urbano alla NBC News.

“È un ottimo scenario quello in cui i topi si mettono l’uno contro l’altro”, ha dichiarato. “Si stanno letteralmente uccidendo a vicenda. Ma il problema qui è che non appena trovano nuovo cibo, che inevitabilmente troveranno … invece di avere topi di basso rango che cercano di entrare nelle nostre residenze, avremo i più intelligenti, i più resistenti”.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI – Coronavirus, lavoratori finiti in terapia intensiva e giovani ricattati: così la Dalmine in Lombardia ha tenuto aperte anche le attività produttive non essenziali. Gli operai: “Abbiamo paura di contagiare le nostre famiglie”

2. Riaprire la Lombardia è una follia. Qualcuno fermi Fontana (di G. Gambino) / 3. Fontana ha paura di perdere consensi: per questo ha cambiato idea e ora vuole aprire tutto. Schizofrenia di un governatore (di L. Telese) / 4. Milano ha perso: così la città è stata travolta dall’onda lunga del virus (di Selvaggia Lucarelli)

762
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.