Coronavirus: cos’è un tampone, come funziona e come si scopre se è positivo | VIDEO

Ecco come funziona il processo di individuazione del Covid-19 attraverso il prelievo di materiale biologico da un paziente

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 3 Mar. 2020 alle 09:55
19
Immagine di copertina

Coronavirus: cos’è un tampone, come funziona e come si scopre se è positivo

Da quando è scoppiata l’epidemia di Coronavirus in Italia, nel nostro Paese sono stati effettuati oltre 20mila tamponi per la ricerca del Covid-19: ma cos’è un tampone e come funziona? E ancora, come si scopre che il tampone è positivo? Il tampone che viene utilizzato per verificare se una persona sia affetta dal virus o meno è una sorta di grande cotton fioc con superficie assorbente su una delle due estremità.

Il tampone, che è racchiuso in un barattolo, a sua volta sigillato in un involucro, deve essere effettuato solo ed esclusivamente dal personale sanitario. Quando si effettua un’analisi, il medico inserisce la parte cotonata dell’asticella nella faringe del paziente. Il prelievo va effettuato sulla mucosa della parte posteriore della gola e non deve essere contaminato con la saliva. Una volta prelevato il campione, il tampone viene immerso in un flacone che contiene una sorta di gel, che preserva il materiale biologico appena prelevato.

Una volta arrivati nei laboratori, i campioni dei tamponi, così come mostrano anche le immagini realizzate all’Istituto Superiore di Sanità dal Corriere della Sera, vengono divisi in due parti: una per l’indagine molecolare e una per la “coltivazione” del virus. Dopo aver isolato il materiale biologico dal tampone, questo viene inserito in una piastra, che successivamente viene analizzata da un macchinario. A quel punto il processo di individuazione del virus dura dalle 4 alle 5 ore. Terminato il processo, il macchinario indica, attraverso dei colori (rosso se è positivo, verde se negativo) se il campione analizzato sia positivo al Coronavirus o meno.

Leggi anche:

1. Le ultime notizie sul Coronavirus in Italia / 2. Coronavirus: ecco perché le maratone potrebbero non aver fatto bene a Mattia, il paziente 1 di Codogno / 3. Video Esclusivo TPI, psicosi Coronavirus: sulla nave MSC Meraviglia botte da orbi dalla security ai passeggeri / 4. “Se mia madre non avesse violato i protocolli mio padre sarebbe morto a causa del Coronavirus”: Giovanna racconta il caos di Cremona al collasso

19
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.