Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, il report Iss-ministero: “Aumentano focolai, calo dei sintomatici, età media contagiati 29 anni”

Immagine di copertina

Coronavirus, report Iss-ministero: calo sintomatici, aumentano i focolai

Aumentano i focolai, ma calano i sintomatici: è quanto emerge dal consueto report settimanale redatto dall’Iss e dall ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia di Coronavirus in Italia. Per la quarta settimana consecutiva si conferma un aumento dei casi con livelli simili osservati agli inizi di giugno, circa un mese dopo la fine del lockdown. La maggior parte dei casi continua ad essere contratta sul territorio nazionale anche se “si osserva rispetto alla settimana precedente un aumento di casi importati da altra Regione/PA”. In Italia e in Europa, sottolinea il report “si è verificata una transizione epidemiologica dell’epidemia da SARS-CoV-2 con un forte abbassamento dell’età mediana della popolazione che contrae l’infezione”.

L’età media dei casi diagnosticati nell’ultima settimana, infatti, è “di 29 anni, confermando un trend in diminuzione”. La circolazione del Coronavirus “avviene oggi con maggiore frequenza nelle fasce di età più giovani, in un contesto di avanzata riapertura delle attività commerciali (inclusi luoghi di aggregazione) e di aumentata mobilità. Si riscontra un cambiamento nelle dinamiche di trasmissione (con emergenza di casi e focolai associati ad attività ricreative sia sul territorio nazionale che all’estero) ed una minore gravità clinica dei casi diagnosticati che, nella maggior parte dei casi, sono asintomatici”.

Nell’ultima settimana il 36% dei nuovi casi diagnosticati in Italia è stato identificato tramite attività di screening, mentre il 32% nell’ambito di attività di contact tracing. I rimanenti casi sono stati identificati in quanto sintomatici, il 27% del totale, o non è riportata la ragione dell’accertamento diagnostico (5%). Quindi, complessivamente, il 68% dei nuovi casi sono stati diagnosticati grazie alla intensa attività di screening e alla indagine dei casi con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti. Nonostante il calo dei sintomatici, oltre 16 Regioni “hanno riportato un aumento nel numero di casi diagnosticati rispetto alla settimana precedente”. Un dato che, secondo il report “deve invitare alla cautela in quanto denota che in alcune parti del Paese la circolazione di SARS-CoV-2 è ancora rilevante”.

Nella settimana di monitoraggio, inoltre, sono stati riportati complessivamente 1374 focolai attivi di cui 490 nuovi, entrambi in aumento per la quarta settimana consecutiva. L’indice di trasmissibilità, invece, è pari allo 0.75. Questo indica che “al netto dei casi asintomatici identificati attraverso attività di screening/tracciamento dei contatti e dei casi importati da stato estero (categorie non mutuamente esclusive), vi è stata una lieve diminuzione del numero di casi  sintomatici contratti localmente e diagnosticati nel nostro Paese”. Tuttavia, secondo gli esperti bisogna “interpretare con cautela l’indice di trasmissione nazionale in questo particolare momento dell’epidemia. Infatti Rt calcolato sui casi sintomatici, pur rimanendo l’indicatore più affidabile a livello regionale e confrontabile nel tempo per il monitoraggio della trasmissibilità, potrebbe sottostimare leggermente la reale trasmissione del virus a livello nazionale. Pertanto l’Rt nazionale deve essere sempre interpretato tenendo anche in considerazione il dato di incidenza”.

Leggi anche: 1. Anche dopo il caso Briatore, al Twiga di Daniela Santanchè si balla ancora assembrati e senza mascherine. C’è pure Nek che canta per la folla / 2. “Tachipirina e bottiglia gelata sulla fronte”. La ragazza che elude i controlli in Sardegna e sale sul traghetto con la febbre / 3. Tutto quello che non torna nella vicenda Covid-Briatore (e del suo ricovero al San Raffaele)

4. Coronavirus, Fondazione Gimbe: “Nell’ultima settimana contagi raddoppiati in Italia. Ma non rivedremo le scene di marzo-aprile” / 5. “Contagi in aumento tra i giovani e riapertura scuole, ecco cosa accadrà in autunno”: parlano gli esperti / 6. Corsa al vaccino antinfluenzale: “Ma un milione di persone rischia di restare senza”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”