Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Cortina, l’Hotel di “Vacanze di Natale” denuncia il ministero della Salute cinese: “Gravi omissioni ai danni del nostro turismo”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 20 Apr. 2020 alle 15:31 Aggiornato il 20 Apr. 2020 alle 16:39
283
Immagine di copertina

Coronavirus, l’Hoted De la Poste di Cortina fa causa alla Cina

L’Hotel De La Poste di Cortina d’Ampezzo ha citato per danni il Ministero della Sanità della Cina davanti al Tribunale di Belluno, per “non aver tempestivamente segnalato all’Oms lo stato del diffondersi del Coronavirus e dei suoi gravi effetti letali a cavallo fra novembre e dicembre 2019″, e “non aver assunto i necessari provvedimenti di controllo sugli scali aeroportuali in partenza dalla Cina”. L’esclusivo Hotel è tra i più famosi a Cortina, e lì vi è stato ambientato il celebre film dei fratelli Vanzina “Vacanze di Natale”. La scena di Claudio Amendola che arriva in ritardo all’appuntamento perché crede che sia “davanti alle poste”, è rimasta nella memoria di tanti appassionati della commedia italiana anni ’90.

Intanto, l’atto di denuncia della Srl che gestisce l’Hotel, a firma dell’avvocato barese Marco Vignola, non è un film: mette sotto accusa il ritardo nella diffusione di informazioni da parte della Cina sull’epidemia per i danni subiti dal turismo a Cortina, tra le più note località sciistice venete, dove l’albergo aveva già registrato il tutto esaurito in vista delle finali di Coppa del mondo di sci alpino, fissate dal 18 al 22 marzo 2020 ma poi annullate a causa del virus.

“Il 12 marzo è stata disposta la chiusura anticipata dell’hotel e di tutti i servizi connessi, nel pieno della stagione sciistica invernale, con conseguenze disastrose anche per il licenziamento dell’intero personale dell’hotel e la disdetta dei contratti di fornitura, così come avvenuto per tutte le altre strutture ricettive ampezzane”, si legge nell’atto. Che chiede al Tribunale di Belluno di accertare “le gravi omissioni” di Pechino, le quali hanno impedito allo Stato italiano una tempestiva assunzione di provvedimenti di ordine pubblico e sanitario da adottare, che sicuramente “avrebbero ridotto al minimo il disagio e le conseguenze negative derivanti dal Covid-19″.

Come riportato da noi di TPI, nonostante la chiusura degli hotel, a Cortina il turismo non si è fermato del tutto, almeno non dopo il decreto del 7 marzo, che ha esteso la cosiddetta zona rossa (diventata, poi, “arancione”) a tutto il Paese. I proprietari di seconde case, e cioè gli habitué, hanno preso d’assalto la meta vacanziera per evitare di rimanere bloccati in città: famiglie di vip con figli al seguito sono arrivati nottetempo, hanno addirittura organizzato feste, tornei di bridge e burraco. La movida insomma è continuata quasi come sempre, ma è stato anche questo a portare il contagio nella meta sciistica più esclusiva d’Italia.

Leggi anche:

1. Cortina, filippini mandati a pulire, feste e tornei di bridge: così i vip se ne fregano del Coronavirus 2. Cortina e quello strano caso dei 90 positivi su 5.800 abitanti: i dati che mostrano l’assalto dei vip 3.  Galli a TPI: “La Lombardia ha fallito. Riaprire le aziende? Rischioso, ancora un mese di stop” 4. Joe Bastianich a TPI: “Per il Covid ho dovuto licenziare 1.500 persone. In futuro solo i ricchi potranno andare al ristorante”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

283
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.