Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Fondazione Gimbe: “Saltato l’argine del tracciamento, boom di terapie intensive. Politica senza strategia”

Immagine di copertina
Credits: ANSA/ NICOLA FOSSELLA

Coronavirus, Fondazione Gimbe: “Saltato l’argine del tracciamento”

Arriva un nuovo monitoraggio settimanale sulla pandemia da Coronavirus in Italia da parte della Fondazione Gimbe e, in concomitanza con la risalita repentina dei contagi degli ultimi giorni, il bilancio è tutt’altro che positivo. Non solo per l’aumento dei casi e dei ricoveri, ma anche per quanto riguarda il contact tracing. Sul sistema di tracciamento dei positivi, infatti, la Fondazione guidata da Nino Cartabellotta è lapidale: “la brusca impennata del rapporto positivi/casi testati (dal 7 al 10,9 per cento) certifica il fallimento del sistema di testing & tracing per arginare la diffusione dei contagi”, si legge nel rapporto. E non manca una stoccata al Governo: “L’avvicendarsi di Dpcm a cadenza settimanale e la parallela introduzione di ulteriori misure in alcune Regioni, dal coprifuoco alla chiusura dei centri commerciali nei weekend, dimostrano tuttavia che la politica non ha una vera strategia per contenere la seconda ondata”, riporta Gimbe.

Guardando ai numeri relativi al periodo 14-20 ottobre 2020, il rapporto evidenzia un incremento esponenziale dei nuovi casi da Coronavirus (68.982 contro i 35.204 della settimana scorsa, +95,9 per cento), a fronte di un rilevante aumento dei casi testati (630.929 contro 505.940) e di un ulteriore netto incremento del rapporto positivi/casi testati (10,9 per cento contro 7 per cento). Dal punto di vista epidemiologico crescono i casi attualmente positivi (142.739 contro 87.193) e, sul fronte degli ospedali, si registra un’impennata dei pazienti ricoverati con sintomi (8.454 contro 5.076) e in terapia intensiva (870 contro 514, +69,3 per cento). Più che raddoppiati i decessi (459 contro 216, ++112,5 per cento). Salito però anche il numero di tamponi: 202.871, +24,8 per cento. “Con l’aumentare vertiginoso dei numeri – spiega il presidente Cartabellotta – il dato nazionale non rende conto di marcate differenze regionali, oltre che provinciali, che indicano le aree che richiedono provvedimenti più restrittivi per circoscrivere tempestivamente tutti i focolai e arginare il contagio diffuso”.

Anche sul fronte della capacità di testing & tracing le performance regionali sono molto variabili: a fronte di una media nazionale di 1.045 casi testati per 100mila abitanti, il numero varia dai 561 della Provincia autonoma di Trento ai 1.832 del Lazio. Le notevoli variabilità regionali documentano che la “prima diga” è definitivamente saltata in alcune Regioni: ad esempio in Valle d’Aosta oltre un caso testato su 3 è positivo e in Liguria quasi 1 su 4. Per Cartabellotta, in questa fase di rapida risalita dei contagi “piuttosto che contare i numeri del giorno, è fondamentale seguire la dinamica delle curve su base settimanale. Infatti, dal 6 ottobre si impenna il trend dei casi attualmente positivi, dei pazienti ricoverati con sintomi e di quelli in terapia intensiva, seguito una settimana dopo da quello dei decessi”. In altri termini, anche se in termini di numeri assoluti cambia l’ordine di grandezza, l’andamento di tutte le curve è ormai molto simile.

Leggi anche: 1. Galli a TPI: “A Milano la situazione è sfuggita di mano. Coprifuoco? Ormai è tardi” / 2. Crisanti a TPI: “Il Veneto sta scoppiando: numeri neri e terapie intensive in affanno” / 3. Autocertificazione, spostamenti e coprifuoco: le nuove regole Regione per Regione

4. Coronavirus, coprifuoco nel Lazio dalle 24 alle 5 a partire da venerdì 23 ottobre e didattica a distanza: in arrivo l’ordinanza della Regione / 5. Milano, Sala chiede agli anziani di stare a casa ma alla bocciofila di piazza Lavater si gioca a carte | VIDEO / 6. Campania, medico sindacalista a TPI: “Abbiamo avuto tempo e soldi, questa nuova emergenza poteva essere evitata”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”